developed and seo specialist Franco Danese

Ormeggiare nelle isole proibite: un’occasione per il rilancio post-Covid

ANTEPRIMA La Porsche delle barche a vela, scopri la novità mondiale Ice 54
20 settembre 2020
TENDENZE Addio hotel, dormo in una barca tutta mia
21 settembre 2020

Good news. La Gallinara, l’unica isola della Liguria di Ponente con Bergeggi, non diventerà un resort di lusso per pochi eletti. Il Mibact (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) l’ha acquistata, esercitando il diritto di prelazione poco prima che diventasse proprietà dell’oligarca russo Alexandr Boguslayev, che aveva intenzione di tramutarla in un paradiso per ricchi.

Il Mibact ha intenzione di renderla fruibile al pubblico. La speranza è che questo non sia altro che il primo passo verso una nuova gestione delle aree marine e protette italiane, un patrimonio unico in tutto il Mediterraneo per la maggior parte proibito a chi va in barca e vorrebbe ormeggiare e visitare queste isole paradiso. Ovviamente nel rispetto dell’ambiente.

Il problema è questo, le aree protette che contengono perle come Montecristo, Pianosa, Gorgona (ma anche di buona parte di Giannutri, Capriaia tanto per rimanere in Toscana) sono off-limits. Perché? Non esiste un ministero che faccia la regia e coordini in modo omogeneo la gestione delle aree protette.

Regna il caos: governano le Regioni, i corpi dello Stato, addirittura guardie carcerarie. Ognuno ha dei suoi obiettivi personali di rendita di posizione. Nessuno pensa a renderle fruibili a terra e soprattutto a mare, aprendole al diporto, un tipo di turismo che di certo non va a rovinare l’ecosistema locale.

Basta vedere l’esempio spagnolo di Cabrera, nella piccola isola riserva marina delle Baleari e dei parchi di Corsica e Francia del Sud per rendersi conto che è possibile organizzare un turismo nautico ecosostenibile. Il Mibact sarebbe sicuramente il riferimento più giusto per ripensarlo radicalmente aprendo finalmente a chi vuole, con la propria barca, visitare e ormeggiare in questi paradisi ancora oggi, per la maggior parte, inaccessibili.

Il turismo nautico, in Italia, è un patrimonio non sfruttato che potrebbe diventare uno degli elementi di rilancio post-pandemia. Basta che ci sia qualcuno (ribadiamo: il Mibact) che ne prenda le redini, creando un piano coordinato che tenga conto della realtà e non dei privilegi.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

 

2 Comments

  1. Marco Pellanda ha detto:

    Speriamo, speriamo ed ancora speriamo che l’acquisto di Gallinara sia un primo passo che porti all’uso consapevolmente rispettoso delle piccole, bellissime isole sparse soprattutto ad ovest.
    Marco Pellanda – Venezia

  2. BAFI52 ha detto:

    Sono d’accordo con Marco Pellanda. Ma, sono pessimista, se viene fatta questa cosa sicuramente non sarà per tutti, solo per pochi eletti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi