Coppa America, che succede? Ecco cosa stanno facendo i team. FOTO e VIDEO

Un confronto a distanza tra Team New Zealand e American Magic

“Prendete casa ad Auckland” avevamo titolato il 26 giugno 2017 dopo la vittoria della Coppa America da parte di Team New Zealand a Bermuda. E adesso per i team sfidanti della prossima Coppa America è veramente tempo di “piantare le tende” nell’emisfero sud. Cosa sta succedendo in queste settimane in Coppa America? Cosa stanno facendo Luna Rossa, Team New Zealand, Ineos Team UK, American Magic e l’ormai sfidante “fantasma” Stars&Stripes?

E ancora, come saranno conciliabili le esigenze della Coppa con il fattore pandemia? Per lungo tempo la Nuova Zelanda è stato un paese sufficientemente al riparo dal Corona Virus, nell’ultimo mese la situazione è leggermente cambiata e ormai da tempo per entrare nel paese sono obbligatori 14 giorni di quarantena. Non esattamente una sciocchezza per chi arriva da fuori come pubblico e un problema operativo per i team. Le America’s Cup World Series sono in programma dal 17 al 20 dicembre, la Prada Cup (la selezione sfidanti) dal 15 gennaio al 22 febbraio. La Coppa America vera e propria è in programma dal 6 al 21 marzo. Verranno rispettate queste date? Le voci di un rinvio, o meglio di uno slittamento, di tutte le finestre di almeno un mese non sono campate in aria. Un eventuale rinvio, da protocollo della Coppa, potrebbe essere deciso in accordo tra il defender, Team New Zealand, e il challenge of record Luna Rossa.

LUNA ROSSA

I “Lunatici” hanno salutato ufficialmente Cagliari (sarà solo un arrivederci?) e la preparazione della base ad Auckland è ormai alle battute finali. Barca 1 è stata spedita ed è in viaggio verso la Nuova Zelanda. Non si ha invece alcuna notizia ancora di barca 2, che dovrebbe essere in fase molto avanzata di costruzione presso la Persico Marine e raggiungere la Nuova Zelanda sicuramente entro l’anno. Luna Rossa è l’ultimo dei team che raggiungerà Auckland, il team italiano ha infatti deciso di proseguire la sua permanenza in Sardegna probabilmente per restare al riparo da occhi indiscreti e per non avere altre pause, in questa fase di preparazione, dopo il lungo lock down, data l’obbligatorietà della quarantena in Nuova Zelanda. Secondo alcuni rumors la barca 1 di Luna Rossa è stata una delle più azzeccate, insieme a quella dei kiwi, di questa prima generazione di AC 75. C’è quindi molta curiosità per cercare di capire quanto barca 2 sarà differente dalla prima e quale sia la curva di crescita del secondo progetto rispetto a barca 1.

EMIRATES TEAM NEW ZEALAND

Non si può certo dire che questo sia il periodo più sereno per il defender della Coppa. Se sulla carta i kiwi restano i favoriti, non sono pochi i problemi, soprattutto organizzativi, che deve affrontare il team. Le difficoltà degli sponsor in tempi di pandemia, il pressing del governo neozelandese che finanzia parte della Coppa, “distrazioni” che rendono meno sereno l’avvicinamento dei detentori del trofeo alle prime regate ufficiali. Proprio per questi motivi non sono infatti mancate anche le voci di un rinvio a cui Team New Zealand stava iniziando a pensare. Problemi a parte i kiwi restano i favoriti assoluti con una barca 1 estremamente convincente e mostrata, nei video ufficiali, molto a suo agio in varie condizioni meteo, anche con vento decisamente forte.

INEOS TEAM UK

Non vorremmo essere nei panni del design team inglese, dato che di fatto Britannia sembra essere la barca più lenta e meno riuscita tra tutti gli AC 75 varati. Ne è testimonianza anche la  modifica in corsa, la piccola “chiglia”, sul modello di quella di Luna Rossa ma non concepita in origine, comparsa sotto lo scafo inglese negli ultimi mesi. Le impressioni del famoso sorpasso nel golfo di Cagliari, raccontato in esclusiva dal Giornale della Vela, a opera di Luna Rossa non erano sbagliate. Si parla di una barca 2 che fonti del team hanno definito come “radicalmente” differente dalla 1, del resto per Ineos non è mai stato un problema di budget essendo probabilmente il team con la maggiore disponibilità economica.

AMERICAN MAGIC

Sono stati i primi ad arrivare in Nuova Zelanda, dove è già arrivata barca 2 che si chiamerà Patriot. Gli americani sono anche i primi ad avere incrociato i kiwi in acqua, sia pur a distanza. Si registra a tal proposito anche una scuffia degli americani, risolta velocemente e senza particolari problemi. Sicuramente American Magic è un team da tenere in grande considerazione, ma in parte anche per loro valgono alcuni ragionamenti fatti per gli inglesi.

L’arrivo di Patriot ad Auckland dopo il trasporto aereo.
I due AC 75 davanti alla base di American Magic ad Auckland.

Il boma classico in luogo di quello “nascosto” di Luna Rossa e Team New Zealand, la chiglia completamente piatta, la barca pur non avendo i deficit di velocità di cui si mormora soffra il Britannia si discosta abbastanza dai due AC 75 che al momento sembrano essere più riusciti dal punto di vista del design. Lecito aspettarsi anche in questo caso importanti novità da barca 2.

STARS & STRIPES

Si tratta del vero sfidante fantasma di questa Coppa. Non hanno mai ufficialmente pagato il gettone d’iscrizione, non si sa nulla circa l’eventuale inizio della costruzione della barca, di fatto è un team che non esiste. Si è tornato a parlare di loro a proposito della possibilità di noleggiare barca 1 dei neozelandesi per prendere parte alle ACWS. Un tentativo per Team New Zealand di fare cassa? Di fatto un’operazione al limite del regolamento se dovesse andare in porto, ma sembra destinata a restare solo una suggestione estiva. Uno sfidante in più, per di più quasi fittizio, cambierebbe di poco la storia di questa Coppa a livello di appeal. Se spettacolo sarà, lo faranno i tre sfidanti e il defender. Altrimenti il rischio flop diventerebbe concreto.

Mauro Giuffrè

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

2 commenti su “Coppa America, che succede? Ecco cosa stanno facendo i team. FOTO e VIDEO”

  1. Sono in Nuova Zelanda e purtroppo il paese ha i confini chiusi. La quarantena obbligatoria c’è ma solo per chi ha il permesso di entrare ed al momento sono solo residenti, cittadini neozelandesi e/o permessi speciali. Quindi ad ora niente pubblico previsto.
    Tutti speriamo che qualcosa cambierà, ma non si pensa prima delle elezioni che si terranno a ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su