developed and seo specialist Franco Danese

Tre itinerari in barca imperdibili tra Sardegna, Campania ed Eolie

Kite Surf mania? Ce la spiega la campionessa olimpica Sofia Tomasoni
15 agosto 2020
Termini nautici: sapete cos’è un agugliotto?
16 agosto 2020

Abbiamo scelto per voi tre itinerari da sogno lungo le coste della Sardegna, della Campania e delle isole Eolie.

1. Sardegna: Villasimius e Costa Rei

Una crociera nell’angolo sudorientale dell’isola porta a scoprire una zona poco nota ma comunque bellissima perchè comprende i litorali stupendi di Villasimius e Costa Rei e la riserva di Capo Carbonara.

Un “angolo” di natura selvaggia che si scopre dal mare

In questa parte “nascosta” della Sardegna, se nell’entroterra si estende il Sarrabus col Monte dei Sette Fratelli dove vivono gli ultimi esemplari di cervo sardo, lungo la costa ci sono magnifiche località di mare. Per scoprirle si parte dalla cittadina di Villasimius, centro di gravità dell’area che offre anche ai diportisti un rifugio sicuro al Marina di Villasimius (39°07’ 41N – 09°30’ 23E). Poco distante il primo ancoraggio da non perdere è quello di Baia Carbonara (39°08’ 0N – 09°29’ 2E), splendida insenatura che si apre a est di Capo Boi. È molto bella anche per la sua natura unica: non per nulla fa parte della più ampia Area Marina di Capo Carbonara che copre tutto il tratto di mare che proprio da Capo Boi si allunga alla prospiciente e selvaggia Isola Serpentara.

Nella riserva l’ancoraggio è consentito nelle zone segnalate e l’ormeggio nelle zone attrezzate (info su www.ampcapocarbonara.it). Proprio all’altezza dell’Isola Serpentara poi, ma sulla costa, si trova la spiaggia di Punta Purceddu, dove protagonista è il mare in tutte le sfumature di blu. Ma la bellezza di questa area sarda prosegue anche fuori dalla riserva: poco più a nord si apre Cala Pira (39°10’ 0N – 09°34’ 8E), deliziosa insenatura posta a sud della Punta Is Cappuccinus. Proprio oltre al promontorio inizia poi il litorale di Costa Rei: ampio ben 8 miglia, è chiuso a nord da Capo Ferrato ed è caratterizzato da lunghe spiagge sabbiose davanti alle quali è possibile dar fondo con bel tempo (39°21’ 5N – 09°36’ 06E). Ultima baia da visitare è quella di Capo Ferrato (39°18’ 45N – 09°37’ 8E): si trova sotto il lato nord del promontorio e contiene una doppia insenatura orlata di spiagge di sabbia bianca: l’ancoraggio migliore è davanti alla spiaggia più a sud. Per concludere infine una bella giornata di mare si può rientrare a Villasimius per godersi una ricca cena di pesce alla Ristorante Sa Tankitta (tel. 070 791338).

2. Campania: Costiera Amalfitana e Capri

Il grande lembo di terra che chiude a sud il Golfo di Napoli si divide a metà tra Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana, territori unici dove andar per mare è sempre una delizia per gli occhi. E di fronte c’è Capri…

Le perle del mare campano che il mondo ci invidia

Due riviere magiche che il mondo ci invidia e ognuna delle quali ha come centro due borghi di bellezza magica e antica. Simbolo della Penisola Sorrentina è la deliziosa Sorrento, la città dei limoni eretta su una terrazza di tufo dove si ammirano le mura del Cinquecento, il Duomo e il Chiostro di San Francesco. Sulla Costiera Amalfitana, che corrisponde al lato sud della Penisola Sorrentina, e dove la natura è ancora più selvaggia e rocciosa e il mare si infila in veri e propri fiordi come quello bellissimo di Furore, il cuore è Amalfi: in passato potente Repubblica Marinara, oggi è un gioiello che si visita a partire dal Duomo. È poi ci sono i litorali con le loro insenature antiche e splendide. La prima che si incontra navigando verso est da Napoli è quella di Marina di Meta (40°39’ 00N – 14°25’ 00E): posta sotto Punta Gradelle, è un approdo dove si trova anche un piccolo molo. Poco oltre, attorno al promontorio di Punta Campanella, doppiando il quale “inizia” la Costiera Amalfitana, si estende un’Area Marina Protetta (info su navigazione e ancoraggio: www.puntacampanella.org).

Qui, protetta proprio dalla mole di Punta Campanella c’è la baia di Seno di Ieranto (40°34’ 10N – 14°19’ 80E): ampia e selvaggia è ben protetta da tutti i venti. Prima di far rotta a sud lungo la Costiera però si guarda e ovest dove sorge l’isola delle meraviglie – come era soprannominata nell’antichità -, Capri. Tanto splendida che meriterebbe una vacanza dedicata solo a lei, Capri ospita insenature naturali bellissime e protette: da non perdere Marina Piccola (40°32’ 40N – 14°14’ 30E) sul lato sud, Cala del Rio (40°33′ 00N – 14°12′ 00E) e Cala del Limno sul lato ovest. Proseguendo lungo la Costiera infine non si può non gettare l’ancora a Positano (40°37’ 40N – 14°29’ 10E): nell’ampia insenatura davanti allo scenografico borgo si può dar fondo in rada, a circa 300 metri dalla spiaggia di Marina Grande.

Lipari3. Sicilia: Isole Eolie

Una destinazione unica e magnifica che non ha uguali in tutto il Mediterraneo: sono le sette isole consacrate al dio Eolo che oggi ospitano un mix unico di cale da sogno, borghi marinari e natura “vulcanica”.

Le sette sorelle vulcaniche che tutti i velisti sognano visitare

Posto davanti alla costa nord della Sicilia – da dove comodi punti di partenza sono i marina di Capo d’Orlando e Milazzo – l’arcipelago comprende le isole di Stromboli, Lipari, Vulcano, Salina, Panarea, Alicudi e Filicudi che sono posizionate a forma di “ipsilon” in un’area di 15 miglia da est a ovest e 30 da nord a sud. Sette luoghi magici che, pur tradendo la comune origine vulcanica, sono ancora più affascinanti perchè una diversa dall’altra. Isola più vicina alle coste della Sicilia, Vulcano riserva a tutti il suo benvenuto “odoroso”, poichè appena ci si avvicina si coglie un penetrante odore di zolfo testimone della costante attività vulcanica delle Eolie. Da scoprire allora la Pozza dei Fanghi, piscina termale naturale sulfurea, e la selvaggia Cala di Mastro Minico (38°24’ 95N – 14°56’ 50E), circondata da alte scogliere.

È invece la più grande e mondana del gruppo Lipari: nonostante ciò da raggiungere è almeno la Baia di Canneto (38°29’ 15N – 14°58’ 21E) con le acque turchesi che si aprono sotto la mole del Monte Rosa. Più selvaggia è invece Salina: qui si trova una delle baie più belle delle Eolie, la Cala Pollara (38°34’ 80N – 14°48’ 30E), famosa per la scenografica spiaggia nera. Da qui si sale a piedi per raggiungere il “poggio del Semaforo” reso famoso dal film “Il postino” e da dove si ammira uno dei più spettacolari tramonti dell’arcipelago. Tappa successiva a Stromboli, innanzitutto per scoprire dal mare la poderosa Sciara di Fuoco. Posta sul lato ovest, è formata da ripide pareti di lava lungo le quali scivolano con continuità flussi di lava a 1.000°C che si inabissano fumando. Arrivando infine alla super selvaggia Filicudi, la tappa “forzata” è quella alla Cala della Grotta del Bue Marino (38°34’ 30N – 14°32’ 60E): sotto Capo Perciato c’è una grande sala naturale che si apre sul mare. Poco lontano a Filicudi Porto per mangiare solo pesce freschissimo c’è la terrazza del Ristorante Da Nino (tel. 090.9889984).


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore e Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi