PROVATA. Hallberg Rassy 340, l’insospettabile. FOTO

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Photo Rick Tomlinson

Dalla prova dell’Hallberg Rassy 340 ci aspettavamo tante cose, tranne una forse: la capacità della barca di performare con vento leggero. Questo perché probabilmente avevamo un preconcetto verso una barca con un certo tipo di dislocamento e attrezzata in una modalità prettamente da crociera. Il modello che abbiamo provato infatti era accessoriato con randa avvolgibile, un particolare che privava la barca di non pochi “cavalli” decisivi nel vento leggero che abbiamo incontrato durante la nostra prova. Ma restare sorpresi dalle caratteristiche di una barca è qualcosa che fa sempre piacere.

LA FILOSOFIA DELLA BARCA

Partiamo da una considerazione, il nuovo Hallberg Rassy 340 rispecchia in pieno i canoni della tradizione del cantiere svedese sotto i punti di vista cruciali: cura della costruzione, dei dettagli e delle finiture, attrezzatura di qualità e sovradimensionata, concept da vera barca da crociera per tutti i tempi, interni all’insegna della classicità con una cura della falegnameria maniacale. Cosa chiedere di più da una barca come questa?

E poi ci sono le novità, dettate dai tempi e dall’esigenza di, perché no, intercettare un pubblico nuovo e più giovane, un tipo di velista che ama la crociera ma gradisce anche le linee di una barca moderna e attuale. Spazio quindi alla prua retta, alla delfiniera sulla quale murare i gennaker o un code zero, spazio a linee d’acqua più performanti all’insegna di un rinnovato disegno delle appendici e delle forme concepite de German Freers, spazio al tanto “criticato” doppio timone. I tempi erano maturi per rinnovare la linea, sia esteticamente che in alcuni particolari funzionali, senza snaturare il concetto delle barche storicamente prodotte nel pieno della tradizione nordica. 

A VELA

Usciamo dal porto di Loano in una giornata che sembra prettamente primaverile nonostante sia ancora febbraio. Il vento è a chiazze e non supera i 5-6 nodi, dobbiamo posizionarci al largo a motore per entrare in un vero canale stabile di aria. Srotoliamo la randa e il fiocco e ci prepariamo poco convinti a regolare le vele, ma la sorpresa arriva subito.

Il 340 non fa fatica a partire nella bava di vento, nonostante la superficie della randa avvolgibile non sia neanche vicina a quella ideale da piano velico. Stringiamo l’angolo fino ai 50 gradi di reale di bolina, la barca resta stabile a 3,3-3,5 nodi con 5 di vento, riuscendo ad attraversare anche delle zone di completa bonaccia con l’apparente, perdendo solo qualche decimo. Siamo francamente stupiti positivamente dai numeri che leggiamo e dalle sensazioni al timone. Le ruote sono estremamente precise sull’azione trasferita alle pale in acqua, la correzione di rotta è immediata e così la navigazione diventa veramente godibile anche con questo poco vento.

Lunghezza: 10.36 mt

Lunghezza al gall: 10.10 mt

Larghezza: 3.47 mt

Immersione: 1.90 mt

Dislocamento: 5.98 tonn

www.hallbergrassy.it

www.dalmaryacht.it

Testo e foto di Mauro Giuffrè

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecoracer One Design 30 - Il render in acqua della nuova deriva monotipo di Northern Light Composites-1

Ecoracer OD30. Così sarà il primo vero monotipo (9m) riciclabile

In casa Northern Light Composites hanno presentato la prima imbarcazione di serie, e l’hanno fatto in grande stile. Si tratta dell’Ecoracer One Design 30, un monotipo riciclabile dalle caratteristiche decisamente sportive, che avrà un circuito di regate dedicato: le Ecoracer Sailing

Torna su