C’è un po’ meno di plastica in Mediterraneo grazie a loro!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Siamo entrati nel vivo del contest “No Plastic” 2020, lanciato da Medplastic in collaborazione con Navico, marchio che raduna i brand B&G, Lowrance, Simrad e C-Map. Sono sempre di più i cacciatori di plastica che ci stanno inviando le foto delle loro “catture” in giro per il Mediterraneo. Imitateli anche voi che siete in crociera, basta munirsi di un retino o di un mezzo marinaio e la caccia può iniziare! Vediamo chi sono i cacciatori di plastica più attivi della settimana.

I CACCIATORI DI PLASTICA DELLA SETTIMANA

In pochi minuti, i bambini del Centro Velico SAM, al Poetto (Cagliari), dopo una piccola mareggiata, hanno raccolto questi frammenti di plastica. Piccoli cacciatori crescono, bravissimi e continuate così!

Molto attivo anche Pietro Fiamingo, che ci manda le foto delle sue catture sia dall’Isola d’Elba, Marciana Marina (foto a sinistra: “Pieno di plastica …. raccolto per quel che potevamo in barca”) che da Favignana, isole Egadi (Sicilia).

Scrive Luca Buono, aka Goodfishes Recyclingart, l’artista che raccoglie rifiuti in mare e li trasforma in sculture: “Sarà anche ganz.. ma tenetevelo nel mar baltico.
Graz”.

Giacomo Giulietti ci manda questa foto dalla PKS (Professional Kite School) di Grosseto, scuola di vela molto attiva contro la plastica: “Ve li ricordardate i filtrini di plastica persi lo scorso anno da un depuratore sul fiume Sele in Campania ? Eccoli, sono ancora in giro per il mare e sembrano perfettamente nuovi. Ah che miracolo la plastica!”

Così Alberto Oggero dalle Baleari: “Maiorca, raccolti in pochi minuti in uno spazio di 10 metri quadri di mare a 2 metri dalla riva”. Bravo Alberto!

“Catch of the Day”, ci scrivono Michele Gianazza e Tommaso Guido Fortuna dalla Liguria!

Chiudiamo con l’ormai consueta “gallery” che arriva dal cacciatore di plastica per antonomasia, l’anglo-italiano Timothy Lucie-Smith, già vincitore della scorsa edizione del concorso e nuovamente in pista! Ecco le catture sue e del suo equipaggio da Marettimo (Egadi), Licata e durante la traversata dalla Sicilia a Malta.

E siamo solo a metà dell’opera, cacciatori di plastica!

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “C’è un po’ meno di plastica in Mediterraneo grazie a loro!”

  1. Pingback: Cacciatori di Plastica, il Mediterraneo è Più Pulito Grazie a Loro! - Favignana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi