developed and seo specialist Franco Danese

Surprise: una barca che passò dal mito alla tragedia

“Papà non vendere la barca, lasciamela”. E ha vinto gli Europei. Intervista a Sergio Caramel
1 giugno 2020
Velista dell’Anno TAG Heuer – Intervista a Grilli/Bellot, i “draghi del mare”
2 giugno 2020


Questa è una barca che ha segnato la storia dello yachting moderno. A bordo di questo sloop Ambrogio Fogar concluse la circumnavigazione del globo est-ovest: Fogar fu il primo italiano a riuscirci, contro i venti dominanti. Ma nel 1978 si scatenò l’inferno…

CHE IMPRESA CON IL SURPRISE (1973)

Sono passati quasi 50 anni da quando il primo italiano, Ambrogio Fogar, compì il giro del mondo in solitario al contrario “contro vento” con una barca a vela di undici metri, da est a ovest, ma sembra un’eternità. E, sbagliando, il mondo della vela ha dimenticato di ricordare che Fogar è il “papà” di tutti i navigatori italiani, il primo personaggio che ha fatto conoscere la vela agli italiani, prima di Azzurra, Moro di Venezia e Luna Rossa.
Il primo che ha dimostrato che anche un uomo normale, senza grande esperienza velica, può realizzare un’impresa. Ex assicuratore a Milano, Fogar con una passione infinita per l’avventura, era partito dal porto di Castiglione della Pescaia la mattina del 1º novembre del 1973, a bordo del suo “Surprise”, un 11 metri in legno del 1968 (progetto di John Holden Illingworth, costruito a Castiglione della Pescaia da Niccolò Puccinelli) che poi diventò famoso come lui.
Non esistevano telefonini o i Gps satellitari, e per rimanere in contatto via radio ci si doveva attrezzare con le rice-trasmittenti e stare in attesa dei ponti radio degli amici sparsi per il mondo per avere qualche notizia. Tornò 400 giorni dopo, il 7 dicembre 1974 a Castiglione della Pescaia acclamato come un eroe. Ad aspettarlo migliaia di persone.
Nel 1977 Fogar parte con il Surprise per un viaggio da Buenos Aires a Capo Horn assieme all’amico giornalista Mauro Mancini. Il 19 gennaio del ’78 l’imbarcazione affonda, attaccata dalle orche, e i due si mettono in salvo sulla zattera autogonfiabile, senza acqua né cibo.
Il 2 aprile i naufraghi sono raccolti da un cargo greco, ma Mancini non ce la fa. Si punta il dito contro Fogar, colpevole di aver “costretto” il giornalista a partecipare all’impresa. Una lettera apparsa sul Corriere della Sera nel 2010, scritta da Mancini prima della morte, dipinge Ambrogio come un uomo coraggioso, equilibrato e buono, liberandolo dai sospetti di essere un egocentrico eterno cacciatore di notorietà. Fogar muore nel 2005.
——
AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore e Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

2 Comments

  1. Giovanni Giachetti ha detto:

    In questo momento non ricordo più tutti i dettagli ma le “imprese ” di Fogar non sono così chiare e cristalline, dal processo per la morte di Mancini, al catamarano che è andato in avaria poco dopo la partenza, al libro copiato, al trasferimento in aero invece di camminare al polo nord alla caduta in mare con una cintura di sicurezza di 10 Mt (sic)

  2. Nicola Romani ha detto:

    Mi spiace contraddirvi, ma il progetto del Surprise non è di Illingworth, ma di Guy Thompson, come racconta lo stesso Puccinelli in “come è nato il Surprise” appendice al libro “400 giorni in solitario” Rizzoli Bur 1979.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi