developed and seo specialist Franco Danese

TENDENZE La nostra guida definitiva ai sistemi di ormeggio assistito

velista dell'anno
VIDEO Velista dell’Anno TAG Heuer, ci siamo: benvenuti agli Oscar della Vela!
26 maggio 2020
Velista dell’Anno TAG Heuer, oggi alle 17 non perderti l’intervista con Marco Gradoni
27 maggio 2020

ormeggio assistitoOrmeggiare una barca a vela, specie in porti affollati o con condizioni meteo difficili, può mettere alla prova anche gli skipper più esperti. Per questo da qualche anno progettisti e cantieri hanno messo a punto dei sistemi intelligenti che una volta installati a bordo, rendono più facile la manovra

Quando è al largo, in mare aperto, seduto al timone della sua barca con le vele spiegate e i capelli al vento, il velista si sente un fenomeno. Gli basta impostare la rotta, dare un’occhiata alla bussola, seguire il Gps e se non è proprio vinto dalla pigrizia ogni tanto può dare una regolatina al genoa o alla randa, tanto per guadagnare una frazione di nodo in più.

Fine dei suoi problemi, solo il piacere di andare verso l’orizzonte. Il vero marinaio però si vede in porto. Tutto cambia quando si deve ormeggiare la propria imbarcazione, magari conquistare un posto barca all’interno di un marina piccolo e affollato, oppure stare a barca ferma in attesa di fare benzina. Se poi c’è vento di traversia e risacca quel senso di spavalderia sulla faccia dello skipper in un attimo svanisce, lo sguardo si fa serio e concentrato, perdere l’aplomb tra ordini sbraitati e imprecazioni a ogni santo per una manovra maldestra è facilissimo.

C’è la paura di cozzare contro la banchina o un’imbarcazione vicina, di vedere una trappa incattivarsi nell’elica, di fare una figuraccia di fronte agli altri velisti ormeggiati e pronti alla risatina sarcastica e al giudizio implacabile. Succede a tutti, velisti di primo pelo e armatori navigati. La verità è che l’ormeggio è sempre una brutta bestia, fa sudare freddo e abbassare le penne.

L’ormeggio in spazi ristretti è una delle manovre
più difficili ed è quella dove si rischia di danneggiare la propria barca e le altre. Per questo se installate un sistema di ormeggio assistito ci sono compagnie assicurative che offrono uno sconto sulla polizza corpi per la vostra barca.

UN ORMEGGIO SENZA STRESS PLEASE…

Ecco perché quando si sente parlare di ormeggio assistito sono sempre di più i velisti che aguzzano le orecchie. L’idea di essere aiutati, protetti, agevolati durante una manovra di attracco in banchina o quando cala l’ancora in rada piace eccome. Basta stress, crisi di nervi e sudori freddi. Ma è tutto vero o un sogno impossibile? Buone notizie: l’ormeggio assistito è ormai una realtà conclamata, anche sulle barche a vela.

Da qualche anno sono sempre di più infatti le aziende e i cantieri impegnati a sviluppare dispositivi intelligenti in grado di rendere l’ormeggio un’operazione facile per tutti. Questa rivoluzione nautica deriva dai progressi tecnologici dell’automotive, nel classico gioco di specchi che vede spesso le barche copiare le automobili quanto a comfort, facilità di conduzione e sicurezza.

Anzi, non sono tanto le barche a copiare le auto, siamo noi diportisti che ormai vogliamo ripetere in mare quella rassicurante sensazione di essere “coccolati” tecnologicamente, come se fossimo a bordo di un Suv o di una berlina. Il mercato nautico non fa altro che intercettare queste esigenze e soddisfarle.

Vediamo allora cosa ha a disposizione oggi un velista che vuole fare il fenomeno non solo al largo, ma anche in porto. Quali sono in concreto i dispositivi di ormeggio assistito? Come funzionano? Quali sono i loro vantaggi? Come possono essere installati a bordo di un monoscafo o un catamarano a vela?

ANCHE PER I VELISTI

Sbaglia, dicevamo, chi pensa che quella dell’ormeggio assistito sia una rivoluzione hi-tech a uso e consumo esclusivo degli armatori di barche a motore. Certo, il popolo dei “motoscafari” è stato da subito il target di riferimento di progettisti e produttori di questi sistemi intelligenti, ma solo per una questione di numeri: che siano di più nel mondo rispetto ai velisti è un dato di fatto. Non dimentichiamo tuttavia che la manovra di ormeggio una barca a vela la fa sempre a motore.

Inoltre la vela è ormai pronta ad assorbire l’ormeggio assistito per almeno tre motivi. Culturale in primis: lo scetticismo dei velisti più intransigenti verso le novità è ormai retaggio del passato, soprattutto se quelle novità rendono migliore la vita in mare.

Tecnologico: oggi anche le barche a vela nascono già automatizzate, con gli impianti connessi tra loro e semplici da gestire, piene di tecnologia evoluta e fedele alla filosofia dell’easy sailing.

Infine la vela ha visto negli ultimi anni allargare sempre di più il proprio bacino di utenti con gente neofita che magari noleggia la barca una volta l’anno per la crociera estiva ed è in grado di apprezzare ogni singolo gadget hi-tech che gli facilita le manovre più difficili, come appunto l’ormeggio.

Il ComfoDrive è stato il primo sistema “indipendente” di ormeggio assistito applicato a barche a vela. L’idea era quella di rendere la vita semplice, a bordo, agli “over 60”.

UN PO’ DI STORIA

A testimonianza di quanto le barche a vela siano state protagoniste di questa rivoluzione, basta citare uno dei primi prototipi di ormeggio assistito che venne messo a punto nel 2010 dagli ingegneri dell’azienda tedesca ComfoDrive. Il dispositivo venne sviluppato attraverso il progetto di ricerca scientifica Fit&Sail dell’Istituto Tedesco di Nautica e Turismo che analizzava i livelli di sforzo fisico e di stress durante la navigazione a vela legati all’età dell’equipaggio.

A capo dello studio c’era il dott. Burkhard Weisser, professore all’Università di Kiel, che condusse personalmente una serie di test su velisti oltre i 60 anni registrandone i battiti cardiaci durante le fasi della navigazione. Venne fuori che il problema chiave per gli equipaggi più anziani erano proprio le manovre di ormeggio.

Il progetto Fit&Sail convinse quindi il team di ComfoDrive guidato da Wolf-Dieter Mell a concentrarsi su un sistema intelligente che potesse aiutare nelle manovre di attracco in banchina gli armatori ultrasessantenni. L’idea era di incentivare questa enorme fascia demografica a entrare nel settore dello yachting, comprare barche e godersele durante la pensione.

Nacque così il ComfoDrive, un sistema di ormeggio assistito che prevedeva un grande joystick con un movimento a tre assi e ampi angoli di inclinazione che poteva essere azionato con una sola mano e offrire grande precisione in tutte le condizioni. Al joystick erano associati un paio di propulsori, di prua e di poppa, installati sull’albero di trasmissione della barca e dei servomotori per azionare il cambio meccanico standard e i cavi dell’acceleratore.

La prima applicazione commerciale del ComfoDrive che utilizzava propulsori di prua e di poppa esterni Exturn ebbe come protagonista proprio una barca a vela, un modello Bénéteau Cyclades 43.3 che veniva noleggiato dalla società Yacht & Charterzentrum con sede a Heiligenhafen, sul Mar Baltico.

BENETEAU PRIMO CANTIERE A “FIUTARE”

L’esperienza positiva del ComfoDrive ha aperto definitivamente la strada all’ormeggio assistito e tante altre aziende, come per esempio il cantiere francese Bénéteau, hanno subito investito in questo settore. Chi oggi compra un cabinato a vela Oceanis dai 50 ai 55 piedi ha l’opzione di poter installare in barca il dispositivo Dock & Go. Come funziona? La manovrabilità della barca durante l’ormeggio viene garantita dalla combinazione di un saildrive rotante a 360 gradi sincronizzato tramite una centralina con un’elica di prua.

Grazie a un joystick fisso collocato vicino alla timoneria potrete così manovrare facilmente in spazi ridotti, con una traslazione di 90 gradi a dritta e a sinistra, avanti e indietro, compresa la rotazione dello scafo sul posto. La rotazione a 180 gradi del pod, inoltre, fa sì che le eliche pieghevoli possano liberare la stessa potenza sia in retromarcia che a marcia avanti. Qualunque siano i venti, le correnti e la configurazione del porto, grazie al Dock & Go potrete quindi manovrare la barca con una precisione ineccepibile.

BARCA FERMA? PIU’ FACILE CON IL RADIOCOMANDO

Un’altro tipo di ormeggio assistito a disposizione dei velisti è quella del sistema Yacht Controller (sviluppato da un’azienda italiana), che prevede l’utilizzo di un radiocomando portatile che permette di controllare il motore della barca non solo dal pozzetto, ma da qualsiasi punto dell’imbarcazione, quindi aumentare al massimo la visibilità sullo scenario attorno alla barca e avere maggiore padronanza della manovra di ormeggio in porto o in marina.

Un dispositivo del genere è utile anche mentre si sta in fila alla banchina del carburante, visto che se a bordo è installata la cosiddetta “ancora elettronica”, ossia il sistema che tiene la barca ferma automaticamente, il comando a distanza controlla anche questa funzione.

Ma pensate anche alla sua funzionalità durante gli ancoraggi in rada. Praticamente vi permette di eseguire la manovra da soli posizionandovi a prua: con il trasmettitore in mano scegliete dove buttare l’ancora, per esempio evitando la posidonia, poi controllate il calumo di catena necessario e azionate la retromarcia fino a quando l’ancora non ha preso.

Stesso vantaggio si presenta quando dovete disancorare, poiché date marcia avanti finché non trovate la verticale dell’ancora e la tirate su senza sollecitare il verricello. Infine potrebbe tornarvi utile anche negli ancoraggi con le cime a terra, sempre grazie al fatto che per effettuare la manovra non avete bisogno di altre persone. Peraltro tutti i dispositivi Yacht Controller sono impermeabili, quindi potete tranquillamente tuffarvi in acqua e fissare la cima in autonomia.

Il Surfari 50 (14,12 x 4,46 m) è un bluewater “definitivo”, equipaggiato con il sistema di ormeggio assistito a radiocomando Dockmate, che vi consente di gestire entrobordo, eliche di prua e persino salpancora da qualsiasi punto della barca.

Stesse prodezze di un radiocomando e stessa libertà di spostarsi lungo la barca offre il Dockmate, dispositivo sviluppato dalla società belga PPA, che vi consente di azionare l’entrobordo (marcia avanti e indietro), eventuali eliche di prua e di poppa e persino il salpancora.
Tra le applicazioni veliche del Dockmate c’è per esempio il Surfari 50, cabinato costruito dal cantiere americano Fontaine Design Group per il cantante americano Jimmy Buffett e dotato di una originale timoneria molto appruata e completamente protetta da vetrate laterali e un prolungamento della tuga che fa da tetto. Con il Dockmate il nostro Jimmy può ormeggiare anche in solitario.

Una schermata tipo del sistema ECAB di Astra Yacht: le immagini della banchina inviate dalle telecamere appaiono sul vostro display associate a dati sulla distanza dall’ostacolo, il tempo di impatto e il calcolo delle traiettorie in tempo reale e stimato.

BELLO ORMEGGIARE CON LA TELECAMERA

Uno dei sistemi di ormeggio assistito che più di altri prende in prestito la tecnologia già da anni applicata sulle autovetture, in particolare i sensori per il parcheggio con relative videocamere, è l’ECAB. Vi piacerebbe per esempio se mentre vi avvicinate al posto barca per l’attracco su un display multifunzione installato in pozzetto vi apparisse l’immagine perfetta della banchina associata a dati sulla distanza dall’ostacolo, il tempo di impatto e il calcolo delle traiettorie in tempo reale e stimato? E se un allarme acustico da voi impostato vi avvisasse man mano che la banchina si avvicina dandovi l’opportunità di dosare al meglio l’acceleratore del motore e l’assetto della manovra?

Ebbene l’ECAB, il cui acronimo vuol dire “Easy Control Automatic Boat” fa proprio questo. È un dispositivo sviluppato e brevettato nel 2014 dalla società friuliana Astra Yacht. Le sue telecamere Rgb interfacciate con i dati del radar, del Gps e della bussola di bordo tornano utili non solo durante l’ormeggio nei porti, ma anche negli ancoraggi in rada, così come nel caso si navighi nei passaggi stretti o in prossimità di scogli o di altre barche.

Con il sistema Docksense, grazie a cinque termocamere Flir integrate a 360°, potete visualizzare tutto quello che si trova intorno alla vostra barca in fase di ormeggio.

IL CRUISE CONTROL SALE IN BARCA

Sempre inspirato alla tecnologia dell’automotive e ancora più evoluto è il sistema di ormeggio assistito Docksense, sviluppato recentemente dalla Raymarine. Avete presente l’Adaptive Cruise Control che vi corregge la guida quando siete con la vostra auto in autostrada e valicate, senza volere, un’altra corsia? Ecco il Docksense fa la stessa cosa quando state ormeggiando la vostra barca.

Grazie a cinque termocamere Flir integrate che vi consentono una visuale 360°, potete visualizzare tutto quello che si trova intorno alla vostra barca, per esempio banchine, boe e gavitelli, inoltre se un oggetto entra nel raggio di azione del vostro “parabordo virtuale”, il DockSense introduce automaticamente i comandi correttivi di rotta e potenza motore per evitare danni e assistervi nella fase più delicata dell’ormeggio. Ecco il “plus” di questo sistema: la manovra di ormeggio con il Docksense siete sempre voi a farla dal pozzetto, ma in caso di errore o distrazione, il sistema prende il comando e vi salva la barca.

Inizialmente pensato per le barche a motore, DockSense è programmato nelle sue ultime versioni per integrarsi al meglio anche sulle barche a vela, almeno su quelle che hanno i sistemi di propulsione integrati tra loro.

E SE LA BARCA ORMEGGIASSE DA SOLA?

Ma le possibilità di essere assistiti durante l’ormeggio non si fermano qui. Aziende come la Volvo Penta sono in prima linea per soddisfare le richieste dei velisti amanti dell’hi-tech. Per stupirli con l’ultimo ritrovato del settore l’azienda svedese nel 2018 ha approfittato della tappa di Goteborg della celebre Volvo Ocean Race, il giro del mondo in equipaggio.

Di fronte al pubblico assiepato in banchina un Azimut di 20 metri si è ormeggiato perfettamente da solo nello spazio tra due Vor 65 partecipanti alla regata, nonostante soffiasse un vento forte. Una manovra resa possibile grazie alla “Self Docking Yacht Technology”, un brevetto di Volvo Penta. Il sistema, che sarà in commercio entro il 2020, si basa sulla propulsione Ips (Integrate Propulsion System) caratterizzata da un doppio pod rotante, una centralina di comando e quattro sensori da piazzare in banchina per individuare la zona precisa di ormeggio.

In pratica quando con la vostra barca vi avvicinerete al posto barca, il sistema vi avvertirà che siete entrati nell’area di cattura del segnale: una volta che questo avrà attivato la funzione “self docking”, la barca, sfruttando il Gps con la tecnologia Dynamic Positioning System, che mantiene automaticamente la barca ferma in un punto, si posizionerà in modalità “pronti all’ormeggio”. A voi che state al timone resterà soltanto il compito di avviare la fase finale della manovra premendo un tasto e il sistema, interpolando eliche di manovra, Gps e sensori in banchina, sposterà la barca in automatico nell’ormeggio, con una precisione millimetrica. Un sistema utile all’ormeggio, quando si sta all’ancora oppure nel caso in cui si aspetti l’apertura di un ponte o il proprio turno per fare rifornimento di carburante.

Al momento la casa svedese ha specificato che il Self Docking sarà disponibile per barche nuove, ma sarà possibile installare il sistema in retrofit su modelli che già montano motori Volvo Ips. Insomma grazie a tutta questa tecnologia a misura di velista oggi le manovre di ormeggio sono davvero alla portata di tutti. E il vero fenomeno che sta al timone sarà chi proprio non riesce a ormeggiare…

David Ingiosi

FOCUS: IL MERCATO DEI SISTEMI DI ORMEGGIO ASSISTITO

BENETEAU / DOCK & GO

Dopo un primo prototipo testato nel 2009, il cantiere francese Bénéteau ha brevettato e reso disponibile al pubblico il Dock & Go a partire dal 2012. I primi cabinati ad essere equipaggiati con il dispositivo a richiesta degli armatori sono stati i modelli Sense 50 e gli Oceanis 46 e 50 che erano dotati di un propulsore diesel Yanmar da 75 cv. Il Dock & Go è in pratica un sistema che prevede un joystick che sincronizza il piede sail drive girevole a 360° dell’imbarcazione con un propulsore di prua, consentendo allo scafo di girare su sé stesso e spostarsi lateralmente o in diagonale. Molto intuitiva, sicura e semplice da utilizzare, questa tecnologia permette di spostare la barca in uno spazio limitato e di accedere facilmente anche nei porti con gli ormeggi più complicati. Info: www.beneteau.com

PPA / DOCKMATE

Dockmate, sviluppato dalla società belga PPA, comprende un telecomando remoto e un receiver che trasferisce i comandi ai motori di bordo. Nella sua versione “Single”, il telecomando consente di azionare l’entrobordo (marcia avanti e indietro), eventuali eliche di prua e di poppa e persino il salpancora. Il vantaggio è proprio l’assenza di un joystick fisso che permette al timoniere di spostarsi in barca alla ricerca della migliore visuale durante la manovra di ormeggio. Per ora non si tratta di un dispositivo facilmente applicabile in “retrofit”. Va detto però che i produttori di entrobordo, come per esempio Yanmar, stanno realizzando propulsori con questa tecnologia anche sotto i 40 cv, quindi questo genere di ormeggio assistito potrà essere applicato anche su scafi di dimensioni più contenute. Il distributore italiano è Polinautica. Info: www.dockmate.eu

RAYMARINE / DOCKSENSE

Una delle applicazioni più all’avanguardia in tema di ormeggio assistito è il DockSense, ideato e sviluppato da Raymarine. Il dispositivo sfrutta la tecnologia Virtual Bumper, ossia una sorta di “parabordo virtuale”, che individua la zona sicura intorno all’imbarcazione. Se un oggetto entra nel raggio d’azione del Virtual Bumper, il DockSense introduce in automatico i comandi correttivi di rotta e potenza motore per evitare danni e assistere lo skipper nella fase più delicata dell’ormeggio. DockSense utilizza 5 termocamere Flir, il Gps di bordo, un modulo di elaborazione centrale e un’applicazione che gira sul display di navigazione Axiom di Raymarine. Nel caso poi in cui lo skipper desideri avere il completo controllo manuale durante la manovra, il DockSense può essere sempre disattivato, tramite un pulsante sul display. Info: www.raymarine.com

ASTRA YACHT / ECAB

ECAB è un dispositivo ad alto tasso tecnologico frutto di quasi 4 anni di lavoro di ricerca svolto dalla società italiana Astra Yacht in collaborazione con MareFvg, il cluster tecnologico marittimo di Fvg, il cantiere Monte Carlo Yachts, la società Ermetris e l’Università di Trieste. Nasce come sistema modulare di facile installazione su barche a motore e a vela e aiuta a compiere le manovre in porto o durante l’ancoraggio in sicurezza e senza incidenti. Il dispositivo unisce una o più telecamere Rgb e sistemi di riconoscimento delle immagini tramite radar. Le immagini vengono visualizzate sovrapponendole a una griglia di dati Gps, bussola e accelerometri direttamente sui display multifunzione di bordo fornendo allo skipper una misurazione esatta delle distanze della barca dagli ostacoli, il tempo di impatto, il calcolo delle traiettorie in tempo reale e stimato. Si possono inoltre impostare vari allarmi per il controllo perimetrale della barca anche da remoto. Info: www.astrayacht.com

VOLVO PENTA / SELF DOCKING

Tra i sistemi di ormeggio assistito più evoluti c’è il Self-Docking Yacht Technology di Volvo Penta. Si tratta di un sistema automatico di ormeggio che consente all’imbarcazione di posizionarsi grazie a dei sensori montati a bordo e in banchina. Come funziona? Quando ci si trova vicino all’ormeggio desiderato basta inserire la funzione Self Docking che lavora con l’ausilio del Gps e di sensori montati sull’imbarcazione e in banchina. Per poterlo utilizzare al momento sarà quindi necessario che i porti si dotino di una componentistica compatibile. Il progetto del Self-Docking rientra nella filosofia dell’easy boating lanciata qualche anno fa da Volvo Penta: lasciare che la barca ormeggi da sola grazie a una centralina elettronica che valuta automaticamente spazi, operazioni da intraprendere e potenze da utilizzare senza l’intervento del comandante. Info: www.volvopenta.it

YACHT CONTROLLER / DUAL BAND

Tutta tecnologia “made in Italy” è quella dello Yacht Controller, un sistema di radiocomando dei motori che permette di manovrare facilmente barche a vela e a motore in porto e in rada. È sviluppato dall’omonima azienda brianzola che con le due consociate Axiomtek Italia e Micro Device (leader mondiali nel settore dei computers industriali e nella automazione) forma il gruppo Microfin. Lo Yacht Controller è un piccolo radiocomando che ha la capacità di manovrare l’imbarcazione durante l’ormeggio, azionando direttamente la marcia dei motori e le eliche di manovra. È al momento declinato in 5 modelli, il Dual band, il Dual Band Plus, l’En-Joy, il Jcs-Plus e il V.Ips, che si collegano in modo semplice e sicuro alle manette elettroniche dei propulsori tramite interfacce plug and play. Info: www.yachtcontroller.it

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore e Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi