developed and seo specialist Franco Danese

Una tecnica divertente per pescare da autunno a primavera: la pesca alle seppie

velista dell'anno tag heuer
Velista dell’Anno TAG Heuer, -10 giorni all’inizio dello show!
16 maggio 2020
Massima precisione, zero manutenzione! Conoscete gli anemometri a ultrasuoni?
17 maggio 2020
pesca alle seppie

pesca alle seppie

La pesca è una vostra passione ma pensate che è possibile praticarla solo nei mesi estivi? Con questo articolo tratteremo di una tecnica semplice e divertente che può essere un simpatico diversivo nei mesi invernali ma anche in quelli primaverili: la pesca alle seppie dalla barca a vela.

LE SEPPIE

Questi simpatici cefalopodi accostano a inizio autunno e non si allontanano fino alla tarda primavera. Stazionano principalmente sui fondi sabbiosi, ma è possibile trovarli anche in contesti diversi come i ciottolati o le vere e proprie scogliere. Sono dei predatori, che si nutrono di gamberi e piccoli pesci. Possono raggiungere e superare il chilo di peso, anche se in mediterraneo la taglia più comune va dai 150 ai 750-800 grammi, ma le catture XXL non sono impossibili soprattutto a primavera inoltrata.

COME PESCARE LE SEPPIE: LA TECNICA

Dalla barca a vela le seppie si insidiano a scarroccio. Basterà posizionarsi su un fondo sabbioso o in una zona dove sappiamo che stazionano questi cefalopodi, e calare il nostro inganno a contatto con il fondo. L’esca che useremo saranno gli artificiali denominati “egi”, imitazioni di gamberi di varia forma, dimensione e colore. La montature è semplicissima: un piccolo trave lungo non più di 50-60 cm al termine del quale collegheremo un piccolo moschettone. A questo va attaccato l’artificiale e il piombo insieme. Useremo dei piombi con occhiello, preferibilmente di colore bianco, dai 20 grammi a salire in base alla corrente e alle condizioni del mare. Se fosse necessario utilizzare più di 40-50 grammi, si può cambiare la montatura aggiungendo un piccolo bracciolo di 30-30 cm al quale legare l’artificiale, come se fosse una lenza da bolentino.

Una volta preparata la montatura sarà sufficiente calarla a fondo e lasciarla strofinare sulla sabbia, alzandola con delle morbide “jerkate” di tanto in tanto. Quando la seppia abbocca sentirete un peso quasi morto. Occorrerà dare una ferrata non troppo forte e recuperare in maniera costante per salparla.

PESCA A SEPPIA: L’ATTREZZATURA

Si tratta di un’attrezzatura basica e relativamente economica. Basterà comprare una canna da eging, anche economica, pensata per la pesca dalla barca. Accoppiarla con un mulinello di taglia dal 1500 al 3000, caricato con un trecciato dello 0,10. Con una spesa anche intorno ai 100 euro si può avere il tutto.

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore e Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi