Dal 3 giugno liberi tutti, si torna in barca, ma…


Leggi, norme, protocolli, polemiche, burocrazia, speculazione. Sommerso dal chiacchiericcio, dalle indiscrezioni, dalle proposte che non capisco, in vista del 3 giugno del “liberi tutti” mi sono detto: resetta, riavvia il tuo computer mentale. Pulisci l’hard disk del tuo cervello. Ed ecco che, come Chance il Giardiniere del film di culto Oltre il Giardino del 1979 dove un giardiniere analfabeta e autistico diventa consulente del Presidente degli Stati Uniti, mi si è aperta la testa.

VOGLIAMO ANDARE IN BARCA
Datemi del cretino ma se, semplicemente, equipariamo il piccolo mondo delle barche e del mare a quello di auto, della mobilità e delle seconde case allora non c’è bisogno di cercare la soluzione all’unico problema “vogliamo andare in barca!”, si risolve da solo.

CONDURRE LA BARCA COME UN AUTO
Che cos’è una barca dal punto di vista della mobilità, se non un mezzo equiparabile ad un auto. Invece di spostarsi lungo strade si sposta in mare. Perfetto, sfido qualcuno a contestare che le “strade del mare e dei laghi” non siano più sicure secondo i protocolli anticoronavirus rispetto alle strade di terra. E poi, esistono regole per condurre e spostarsi con l’auto? Bene, usiamo quelle anche per la conduzione delle barche.

ANDARE IN BARCA COME IN UNA SECONDA CASA
Secondo concetto. La barca che cos’è se non una piccola o grande casa sul mare? E allora usiamo le regole stabilite per le seconde case anche per la permanenza in barca. E se parliamo di porti, se lo equipariamo ad un piccolo paese il gioco è fatto. Dovrà sottostare alle norme generali che regolano la vita secondo il Covid 19.

REGATE? SI, CON BUON SENSO
E se parliamo di regate? Beh, qui delle regole vanno cambiate. Nuove semplici regole di buon senso che garantiscono il distanziamento tra barca e barca e regolano eventuali possibilità di assembramento. Anche qui, statene certi, ci sono regole già emanate per settori ben più importanti per la vita del Paese a cui attenersi (QUI vi spieghiamo cosa vogliamo fare in merito).

IN CROCIERA IN BARCA, ANCHE A NOLEGGIO
E se voglio andare in vacanza in barca? Che cos’ha di diverso la vacanza in barca rispetto ad una vacanza in albergo/casa/agriturismo? Niente, è solo ancora più sicura dal punto di vista del rischio sanitario rispetto ad una struttura ricettiva tradizionale. E se desidero noleggiare una barca, in Italia o all’estero? Scegli il mezzo di trasporto (auto/aereo/treno/nave) e sali a bordo. Stai certo che le società di noleggio applicheranno tutte le procedure anticontagio in vigore, se non di più.

QUI NON C’E’ SOLUZIONE
Ultimo caso, sei positivo al coronavirus. Stai a casa e speriamo che tu sia asintomatico. Ma questa è tutta un’altra storia.

PURTROPPO LA NAUTICA NON E’ UNA PRIORITA’
N.B. Questa riflessione è nata dopo aver partecipato ad un’interessante e utile incontro virtuale con i rappresentanti tecnici di Confindustria Nautica che ci hanno spiegato le enormi difficoltà a far capire ai governanti e legislatori quali sono i problemi del mondo della Nautica. Evidenziando, per onestà intellettuale, che la Nautica non rappresenta oggi la priorità numero uno per la ripresa della Nazione. Loro bravissimi ce la mettono tutta, ma si scontrano con leggi, norme, protocolli, polemiche, burocrazia, speculazione. E così, come nel gioco del Monopoli, cascano nella casella “torna al via” e ripartono da zero.

Luca Oriani

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore e Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Dal 3 giugno liberi tutti, si torna in barca, ma…”

  1. salaun jean paul

    Je pensais les Italiens plus marins que les Français , j’avais lu il y a quelques temps un article très interressant qui montrait le déconfinement tel qu’il était prèvu en Italie , région par région cela avait l’air très clair, et je l’avait fait parvenir aux services pour exemple. Mais si je comprends bien votre lettre d’aujourd’hui c’est un peu plus compliqué , la buraucracie et le fonctionnarisme bloquent ce qui pourrait être simple. merci pour vos sujets interressants aisi que les interviews JPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su