developed and seo specialist Franco Danese

L’Optimist 2.0 è realtà e sarà costruito al 100% con fibre naturali

Aldo Fumagalli: “Così a 10 nodi in Atlantico ci facevamo gli spaghetti”
8 maggio 2020
VIDEO Tutto quello che dovete sapere per navigare con la barca a noleggio quest’estate
8 maggio 2020

Tempo fa vi avevamo parlato di quello che noi avevamo definito come Optimist 2.o, ovvero una piccola deriva per bambini che si ispirava si al celebre Optimist ma ne riaggiornava le linee e le performance. Opera del designer ungherese David Bereczki, che credeva fermamente nella bontà del suo progetto.

Ma un progetto ambizioso, quello di fare concorrenza all’Optimist, ha bisogno di soluzioni ambiziose. Ed è stato così che il progetto dell’ungherese ha incontrato l’Italia, e in particolare la startup Northern Light Composites. Il risultato? Una deriva 100% costruita con fibre naturali, si chiamerà Eco Primus.

Un Optimist 2.0 costruito al 100% con fibre naturali, un’anima riciclata e una resina di nuova concezione che permette di recuperare a fine vita il manufatto dando impulso a una nuova economia circolare del settore nautico: tutto ciò è possibile nel rispetto della sostenibilità e dell’innovazione.  Sono questi i “mantra” al centro del progetto di Northern Light Composites, startup innovativa nata dalla passione per il mare e per la vela dei tre fondatori Fabio Bignolini, chief operations officer (Coo), Piernicola Paoletti nel ruolo di chief financial officer (Cfo), e Andrea Paduano, chief technical officer (Cto).

La società, che si occupa di ricerca e sviluppo di fibre naturali e materiali riciclati per la costruzione di yacht da diporto, nasce come spinoff di Northern Light Sailing Team, associazione velica triestina protagonista nelle ultime stagioni nella regate d’altura con svariati successi in ambito internazionale, e dal know how di ex studenti universitari, già coinvolti nella costruzione di skiff sostenibili nell’ambito della 1001 Vela Cup, sfida tra atenei di tutta Italia.

La tecnologia alla base del progetto si pone l’obiettivo di risolvere una delle grandi problematiche del settore nautico, che vede le attuali imbarcazioni di vetroresina abbandonate a fine vita nei cantieri, nei porti o nelle campagne. E vista la situazione di emergenza che vive il Paese Northern Light Composites ha deciso di diffondere online i rendering del primo progetto, che prevede la costruzione di un prototipo di dinghy ecosostenibile chiamato “ecoPrimus”. La piccola imbarcazione, progettata nel 2016 dal designer ungherese David Bereczki con cui è stata avviata una collaborazione, è pensata per la scuola vela e i primi passi in regata dei giovani velisti. L’imbarcazione, definita appunto un Optimist 2.0, lunga 2,42m e realizzata con l’utilizzo di fibre naturali e resine ecosostenibili è il primo risultato della sfida della startup triestina che punta a rivoluzionare il settore del diporto nautico, facendo propri i valori della blue economy: innovazione tecnologica, riutilizzo delle materie prime e riduzione dei rifiuti pericolosi.

Il team di Northern Light Composites, che è attualmente al lavoro per finalizzare il progetto del primo prototipo della serie “ecoracer” – prima imbarcazione da regata costruita interamente in fibra naturale e resina ecosostenibile, è composto dal progettista Matteo Polli che si occupa delle linee d’acqua, mentre Matteo Sconocchia e Alessandro Pera sono addetti alla ingegnerizzazione delle strutture, Gianluca Salateo è il responsabile del piano di coperta e Roberto Baraccani segue con la sua esperienza le fasi di produzione.

“E’ una sfida tecnologica e imprenditoriale davvero unica – dichiara Fabio Bignolini, COO della startup – e non vediamo l’ora di testare in mare i primi prototipi. Stiamo lavorando con grande impegno sia in laboratorio per la costruzione dell’ecoPrimus sia in fase di progettazione della nostra prima sportboat che sarà firmata da uno dei migliori progettisti nella vela d’altura: Matteo Polli”.

“Il nostro obiettivo è quello di portare nella nautica da diporto nuove soluzioni innovative e ecosostenibili – dichiara Piernicola Paoletti, CFO del progetto -. Abbiamo messo assieme un team giovane e molto competente che ringraziamo per il grande impegno che sta mettendo in questa fondamentale fase di start up”.

“E’ un progetto davvero unico nel suo genere che necessita di grandi sforzi di test e sviluppo di materiali e tecnologie – dichiara Andrea Paduano, CTO. L’esperienza universitaria ci permette di partire da buoni dati e sono sicuro riusciremo assieme al team di ingegneri a sviluppare nuovi compositi davvero interessanti per il mercato. Con soddisfazione possiamo annunciare che il primo prototipo del dinghy è già stato realizzato nel nostro laboratorio con successo”.

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

——————————————————

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi