developed and seo specialist Franco Danese

Come salire a bordo in caso di necessità? Cinque scalette d’emergenza per la tua barca

VELA e FASE 2, “Non dimenticatevi del charter”. Parla Corrado Di Majo
25 aprile 2020
PROVATA. Neel 65, ecco come si naviga su un super trimarano. FOTO e VIDEO
26 aprile 2020


Un tuffo in mare, una bella nuotata, e poi un problema: risalire a bordo.
La risalita  e’ una questione critica di sicurezza, da molti sottovalutata. Le barche da crociera sono dotate in genere di scaletta rigida sullo specchio di poppa, ma le barche da regata, i piccoli natanti a vela, barche a remi, tender e gommoncini ne sono spesso sprovvisti. Vi presentiamo allora una rassegna di scalette di emergenza, e qualche considerazione sul loro utilizzo.

CINQUE SCALETTE D’EMERGENZA PER LA TUA BARCA (CON PREGI E DIFETTI)

La scaletta di emergenza integrata
E’ obbligatorio per le nuove barche avere un dispositivo di risalita di emergenza. Moltissimi costruttori ricorrono alla versione inglobata sullo specchio di poppa. Di non semplice utilizzo, è così minimale e poco invasiva che ne viene spesso dimenticata l’esistenza o trascurata la manutenzione. Essendo ancorata vicino all’opera viva, offre solo supporto per i piedi, non offre appoggi per le mani. Non può esser rilocata in altri punti, e in caso di onda, o la presenza di un fuoribordo, la poppa potrebbe esser il punto peggiore per tentare la risalita. Scomoda? Forse. Ma in caso di necessità potrebbe salvarvi la vita. Il modello della foto (da 134 cm) costa 30,61 euro e lo trovate QUI

Biscaglina d’emergenza ad apertura rapida
La più sicura per le emergenze, ci sono modelli omologati ISO 15085.  Si installa a poppa, sulla fiancata. Prevede l’apertura della sacca tramite maniglia, con estensione per caduta. Meglio abbondare in lunghezza per consentire l’appoggio dei piedi anche in immersione. La risalita è agevole ma richiede comunque una certa dimestichezza per non “avvitarsi” (nota: le biscagline delle navi, usate dai piloti, hanno ogni 5 gradini un lungo listello che si appoggia alla fiancata e ne evita l’avvitamento, facile aggiungerlo se necessario). Il modello della foto costa 57,90 euro e lo trovate QUI

Parabordo scaletta
Questo oggetto presente il vantaggio di svolgere due funzioni, quella di parabordo e di piccola scaletta. Essendo rigido, non si avvita ma essendo galleggiante non può offrire appoggio per i piedi immersi (motivo per cui non ne esistono versioni con più di 4 gradini). Può anche svolgere la funzione di salvagente di rispetto. Il modello della foto, nella sua versione a tre scalini in PVC, costa 53 euro e lo trovate QUI

La scaletta  in fettuccia “alpinistica”
Pratiche da installare ovunque, queste scalette possono essere la soluzione ideale, leggera per  offrire un appiglio in piu in emergenza o a chi è in difficoltà. La costruzione in solo tessuto delle scalette di risalita alpinistiche, ne consente l’applicazione anche sui tubolari del tender. Il modello nella foto costa 40 euro e lo trovate QUI

Per non sbagliare: scala di barcarizzo portatile
La più versatile, e anche tra le più economiche. Si installa ovunque ce ne sia bisogno in un attimo. Collegata a una drizza si può far scorrere sulla fiancata e calare vicino all’uomo a mare sprovvisto di imbrago che potrà aggrapparsi su più punti ed esser portato sulla verticale dell’albero, prima di essere issato a bordo. Il modello nella foto costa 20 euro e lo trovate QUI

Luigi Gallerani

Questo articolo fa parte della rubrica “Vivere a bordo”. Qui sotto i temi che abbiamo già trattato:

– COME SCARICARSI IL METEO OFFLINE CON UNA RADIOLINA

– LE PAURE DI CHI SALE A BORDO PER LA PRIMA VOLTA

– I PERICOLI DELLE STUFE FAI-DA-TE IN BARCA

– DODICI TRUCCHI A BASSO COSTO PER SCONFIGGERE L’UMIDITA’ A BORDO

 

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

——————————————————

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi