developed and seo specialist Franco Danese

FASE 2, “Non fate errori, la barca è una casa”. Intervista a Fabio Planamente

Vela post-lockdown: qualcosa si muove, ma non nel verso giusto
23 aprile 2020
Carena sempre in bolla? Non esiste solo l’antivegetativa!
24 aprile 2020

fabio planamente
La barca è il luogo più sicuro del mondo
(in acqua la carica virale si disperde più facilmente, dicono gli scienziati), viene vissuta dalla maggior parte degli armatori come una seconda casa e come tale andrebbe trattata. Questa è l’opinione di Fabio Planamente.

L’amministratore delegato di Cantiere Del Pardo (nota eccellenza italiana che ha i marchi Grand Soleil per la vela e Pardo Yachts per il motore) ci ha detto la sua sul tema della ripartenza del diporto “post-lockdown” dal 4 maggio: gira voce che nel decreto la barca potrebbe essere considerata un’attività sportiva. Questo significherebbe via al diporto, si, ma con una o solo due persone a bordo opportunamente distanziate. Sarebbe un grosso errore e Planamente ci spiega il perché e le sue perplessità.

Non poter usare la barca con il proprio gruppo famigliare non ha senso: “io uso la barca e lascio i miei figli o la mia compagna/compagno a casa?”. E se anche passasse il ragionamento “barca = seconda casa”, come la mettiamo con di divieti di spostamento da regione a regione? Chi tiene la barca in una regione diversa (sono tantissimi gli armatori, ad esempio lombardi, piemontesi ed emiliani, che hanno la barca in Liguria o Toscana) come dovrà muoversi?

In questa intervista del nostro Eugenio Ruocco, Fabio Planamente tocca tutti questi temi e prova anche a rispondere alla fatifica domanda: come navigheremo quest’estate?

 

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

——————————————————

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

1 Comment

  1. Vittorio ha detto:

    Speriamo che con il termine “seconda casa” i politicanti del momento non prendano spunto per assoggettare le barche a nuove tasse appunto perché è una “seconda casa”‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi