developed and seo specialist Franco Danese

Baltic 68 Cafè Racer: ecologica, ibrida e ispirata alle moto

La stufa da barca fai-da-te che spopola in rete è un pericolo mortale. Ecco perché
28 marzo 2020
Chi va a vela vive meglio. Lo psicologo spiega perché
29 marzo 2020

Il futuro della vela sono le barche sempre più leggere, tecnologiche, performanti ed ecosostenibili. Non siamo noi a dirlo, ma la tendenza dei cantieri che rappresentano l’avanguardia tecnologica e progettuale della nautica. I cantieri come per esempio Baltic Yachts, un leader a livello mondiale per le barche da crociera sportiva custom o semi custom costruite ad alta tecnologia. E Baltic Yachts ha deciso di tirare fuori dal cilindro un progetto a cui conviene prestare molta attenzione: il Baltic 68 Cafè Racer.

Il nome non è un caso. L’espressione Cafè Racer fu coniata in Inghilterra negli anni ’60, ed era riferita a un tipo di motociclette spogliare di tutti gli accessori non essenziali così da sembrare delle moto da corsa pur restando dei mezzi sportivi da turismo. Oggi quest’espressione viene ancora usata per identificare le moto con lo stesso stile ma con un’estetica con un tocco di retrò. Ed è questo stile quello che il nuovo Baltic vuole inseguire. Una barca da un lato iper moderna, tecnologica e perfomante, ma con un tocco di retrò con l’utilizzo di materiali tradizionali come il legno per alcuni componenti affiancati alle più evolute tecniche di costruzione.

Il Cafè Racer sarà 68 piedi ecologico per un produzione in semiserie, per il primo yacht la consegna è prevista per l’inizio del 2021. La nuova barca sarà dotato dei più recenti materiali da costruzione eco-compatibili e di un gruppo propulsivo a basse emissioni grazie a un’unità di propulsione elettrica da 30kW. L’idrogenerazione, i pannelli solari e le superfici esterne in legno sono pensati per ridurre drasticamente il suo impatto ambientale e sono tra le caratteristiche che rispecchiano uno yacht che vuole affrontare le sfide del 21° secolo.

Il vice presidente esecutivo Henry Hawkins ha detto: “Baltic Yachts ha reagito alla domanda dei clienti e dall’anno scorso stiamo lavorando sui dettagli di questo emozionante Café Racer. Il nostro desiderio e la nostra capacità di adattarci alle esigenze tecniche di uno yacht ecologico hanno dato vita a un prodotto estremamente eccitante”.

Ridurre al minimo le emissioni locali è un obiettivo fondamentale del Baltic 68 Café Racer. Da qui la scelta di un motore elettrico da 30kW che ha anche la capacità di idrogenerare attraverso la sua elica durante la navigazione, riduce così le emissioni praticamente a zero, senza combustione di combustibili fossili e senza inquinamento acustico. Come un’auto ibrida, il Baltic 68 Café Racer è dotato di un estensore di autonomia che può essere utilizzato per ricaricare il banco di batterie agli ioni di litio come supplemento alla capacità della batteria. L’estensore di gamma utilizza una tecnologia a microturbine altamente efficiente che alla fine sarà in grado di funzionare a idrogeno.

www.balticyachts.fi

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

——————————————————

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi