developed and seo specialist Franco Danese

Statevene a casa e non fate come questi sprovveduti

L’addio alle regate di Cagliari e la caduta di stile di Team New Zealand
19 marzo 2020
Casa dolce casa… Ora puoi dedicarti alla tua passione con le letture giuste!
19 marzo 2020


Di casi come questo – ultimo in ordine di tempo – se ne sentono da tutta Italia. Come riporta il sito di cronaca locale Sassari Notizie, “al largo di Alghero sono stati individuati e denunciati due velisti che comodamente stavano veleggiando sulla loro imbarcazione da diporto. Per raggiungere il natante avevano violato le normative relative agli spostamenti in ambito comunale: non rientrando certo quella di uscire da casa per recarsi a bordo della propria imbarcazione fra le ipotesi previste. I due sono stati denunciati dalle Fiamme Gialle all’autorità giudiziaria di Sassari”.

Il problema è proprio questo. Raggiungere la propria barca – a meno che non si viva a bordo – prevede uno spostamento da casa: questo, stanca ripeterlo, se non avviene per motivi indifferibili di lavoro o salute, è un reato penale (art. 650 del Codice Penale, che prevede l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro). Anche uscire in mare è una grande stupidata. In caso di avaria in mare o malore a bordo e conseguente richiesta di soccorso, si costringono corpi come Capitaneria e GdF a un dispiego di forze, che, in tempi di emergenza Coronavirus, potrebbero essere impiegati altrove.

Il caso, se ci pensate, è esattamente lo stesso di chi esce a fare una corsetta fuori casa (“il decreto non lo vieta espressamente”), inciampa e si rompe una caviglia, costringendo i medici del pronto soccorso ad assisterlo togliendo risorse laddove ce ne è molto più bisogno.

Cerchiamo di usare la testa. Il vero marinaio sa che quando fuori imperversa la burrasca non si esce in mare. Più eviteremo stupidate come quella compiuta dai due velisti sardi, meno tempo ci separerà da quando potremo finalmente tirare due bordi con le nostre amate barche.

Eugenio Ruocco

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

——————————————————

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

1 Comment

  1. Gilberto ha detto:

    Il fatto che vi siano persone che fanno i furbetti e che potrebbero evitare spostamenti non necessari non dovrebbe però causare potenzialmente danno a chi deve curare che ad esempio l’ormeggio della barca sia sicuro o che la barca non abbia subito danni in caso di condizioni meteo avverse. Le marine ed i porti in questo periodo sono praticamente deserti. Non vi è il rischio di avvicinare persone. Vi è invece il rischio che si possa subire o arrecare un danno per mancata vigilanza.
    Personalmente non esco di casa dal 27 febbraio. Un controllo ad una barca ormeggiata è secondo me un motivo di necessità. Per questo vi è l’autocertificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi