Nuovo Pogo 44: quando la crociera è “alla francese”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Quando il cantiere francese Pogo Structures esce con una nuova barca c’è sempre molta curiosità da parte degli addetti ai lavori (leggi QUI la nostra prova del Pogo 12.50) e degli appassionati.

Il cantiere Pogo infatti ha una gamma di barche espressamente dedicate alla regata, come i Class 40 o i Mini 650, e una linea dedicata alla crociera veloce, di cui farà parte anche il nuovo Pogo 44. Il motivo d’interesse verso la gamma da crociera sportiva è presto spiegato: il cantiere ha come filosofia quella di applicare a queste barche alcune linee e concetti che prima sviluppa sui modelli da regata. In pratica in un solo cantiere possiamo vedere quella che per decenni è stata una tendenza generale della nautica internazionale.

Ovviamente i modelli da crociera di Pogo, rispetto ai “cugini” da regata, sono più “docili” pur senza perdere le caratteristiche di performance tipiche di questo marchio. Sul Pogo 44, disegnato dallo Studio Finot-Conq, una delle caratteristiche peculiare della barca è il disegno della tuga. Larga a poppa dell’albero, dotata di una particolare finestratura che ne segue il disegno, la sua forma pronunciata serve a tenere il pozzetto asciutto dall’acqua. A prua dell’albero invece la tuga si stringe e degrada lentamente verso prua. La scelta di farla proseguire anche a prua è dettata dalla necessità di garantire una buona altezza interna e una volumetria che garantisca il comfort in crociera.

I volumi anteriori sono potenti come si addice a una barca che gradirà molto le andature portanti, mentre il baglio massimo prosegue quasi inalterato fino a poppa. I volumi posteriori somigliano molto a quelli dei moderni Class 40, con uno spigolo netto in carena ma con l’aggiunta di un elemento decisamente cruise: uno scalino sullo specchio di poppa che garantisce un comodo accesso in acqua.

Con un dislocamento di appena 5,9 t per 12,80 m e 4,50 m di larghezza, il Pogo44 promette caratteristiche veliche decisamente importanti. La chiglia da 3,10 m, sollevabile, completa il quadro di una barca che ha anche nella versatilità un suo punto di forza.

Lungh. f.t. 13,55 m

Lungh. scafo 12,80 m

Largh. 4,50 m

Pescaggio: 1,38 m / 3,10 m

Altezza albero: 19,50 m

Dislocamento: 5,9 t.

www.pogostructures.com

 

STAI A CASA, LEGGI VELA, FAI DEL BENE

Se ti abboni al Giornale della Vela, noi doniamo 10 euro all’Ospedale San Raffaele di Milano per far fronte all’emergenza coronavirus

ABBONATI SUBITO QUI!

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Nuovo Pogo 44: quando la crociera è “alla francese””

  1. Ho noleggiato credo quasi 10 anni orsono un Pogo 10,50 a Vannes
    Allo sbarco, dopo 2 settimane di vela incredible, volevo andare direttamente a Combrit a comprarne uno, subito
    Mia moglie ci mise parecchio a farmi tornare alla ragione …
    Mai più successo con nessun altro monoscafo
    Tuttora ricordo quella vacanza come tra le più belle mai fatte in barca, vuoi per il vento sempre perfetto, vuoi per le lunghe onde oceaniche da surfare ma soprattutto per una barca che dire veloce e sicura al contempo non rende la goduria totale che dava lo stare allo stick con il log a 13, 14, 15 kts…Penso che l’autopilota l’abbiamo usato pochissimo in quella vacanza
    E niente, da allora i Pogo sono nel mio cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su