Questo signore di 81 anni ha girato il mondo in barca da solo senza scalo

Bill Hatfield, 81, ex-pescatore in pensione, è ufficialmente il marinaio più anziano ad aver circumnavigato il mondo in solitario a vela senza scalo: sabato 22 febbraio ha concluso la sua avventura durata 259 giorni e quasi 30.000 miglia. Era partito il 19 giugno 2019 scorso sul suo Northshore 38 (11,58 m x 3,35 m, progetto di Kaufman, prodotto dal 1983 al 1995) dal Southport Yacht Club in Australia, zitto zitto, senza troppa pubblicità: ha navigato da est verso ovest, “contromano” (proprio come aveva fatto il grande Chay Blyth nel 1971) contro i venti e le correnti dominanti.

Jeanne Socrates

Non appena toccata terra al Southport Yacht Club, ha chiesto del cibo fresco e di farsi una doccia. Cade così il primato di Jeanne Socrates, la “nonna degli oceani” che nel settembre del 2019 aveva concluso la sua circumnavigazione sul suo Najad 380 in 320 giorni a 77 anni, ma da ovest verso est, rotta tradizionalmente meno impegnativa. Sempre a 77 anni lo aveva fatto nel 2011 (da est verso ovest) il giapponese Minoru Saito su un 50 piedi in alluminio, ma aveva impiegato ben 1.080 giorni e con scali tecnici anche lunghi.

Bill Hatfield

Ma torniamo a Bill Hatfield: ci aveva già provato nel settembre del 2018, ma si era dovuto fermare alle Falkland per danni all’attrezzatura e al timone. Non si è perso d’animo e ci ha riprovato quasi subito: molto “tecnologico” per la sua età, Bill ha pubblicato quotidianamente sul suo blog dal quale si poteva anche seguire la posizione di “L’Eau Commotion” (questo il nome della barca), dotato di tracker.

Non è stata una navigazione semplice, la sua: ha dovuto far fronte a molte emergenze, intervenendo spesso con ago, filo e nastro adesivo, sostituire le pale dell’elica dell’idrogeneratore danneggiate. Si è trovato nel bel mezzo di tre cicloni, di cui due molto intensi.

Fortunatamente la sua barca ha retto bene: il Northshore 38, in Australia, è una barca mitica, è il blue water che ha conosciuto maggior diffusione nella terra dei canguri, con oltre 100 barche varate. Il suo successo deriva dalla sua marinità e dalla facilità con cui può essere condotto in equipaggio ridotto se non, come nel caso di Bill Hatfield, in solitario. Qui scoprite di che barca si tratta.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE & AVVENTURE

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Se

Torna su