developed and seo specialist Franco Danese

Quel brutto pasticcio della classe offshore olimpica

PROVATA. Mylius 60 Canting Keel, al timone di una super barca. FOTO
24 febbraio 2020
Velista dell’Anno TAG Heuer, 22.000 voti! Chi va forte e chi rischia
26 febbraio 2020

Potremmo ormai definirla la barca del mistero. Stiamo parlando del doppio misto offshore per Parigi 2024, una barca annunciata e pompata da World Sailing ma della quale di fatto si sa poco o nulla. World Sailing (la federvela mondiale) ha comunicato ufficialmente che il mondiale 2020 della classe si svolgerà a Malta nell’ottobre 2020 e come barca verrà impiegato il discusso L30 (scoprila QUI). La regata di qualificazione al Mondiale si svolgerà in Europa entro giugno 2020, con una tassa d’iscrizione che andrà dai 6000 agli 8000 euro più Iva.

La Federazione Italiana Vela si è subito attivata per organizzare l’attività nazionale e selezionare i potenziali velisti interessati. Ma al netto di queste comunicazioni non è chiaro quale sarà la scelta effettiva per le Olimpiadi e di fatto gli atleti interessati ad oggi non possono pianificare un investimento e la relativa preparazione ma limitarsi a charterizzare un L30 e…poi si vedrà.

Dei giorni scorsi un nuovo comunicato enigmatico di World Sailing, che annuncia che i criteri per la scelta dell’attrezzatura, la barca, adatta per l’evento olimpico offshore saranno pubblicati entro il 31 dicembre 2020 (altri dieci mesi?!) e l’attrezzatura sarà selezionata entro il 31 dicembre 2023. Per quanto riguarda gli eventi di qualificazione, un elenco di barche che soddisfano i criteri di qualificazione sarà pubblicato entro e non oltre il 31 dicembre 2020. Insomma tempistiche di difficile lettura e una data ultima, il 31 dicembre 2023, che lascerebbe pochi mesi di tempo agli atleti interessati per capire il da farsi prima dell’inizio dell’Olimpiade 2024. Appare chiaro come gli interessi in gioco, dato il coinvolgimento dei cantieri produttori, siano alti. Da qui la necessità di tempi piuttosto lunghi per elaborare una decisione.

Nel frattempo World Sailing rende noti i cantieri che hanno manifestato il loro interesse a vedere selezionata una propria barca.

  • Dehler 30 OD
  • Django 8s
  • FarEast 28 R
  • Figaro 3
  • J88
  • J99
  • J105
  • JPK1030
  • L30
  • Sunfast 3300
  • TEN2
  • Vector6.5

Nulla di nuovo, questi nomi circolano ormai da oltre un anno, ovvero da quando World Sailing ha reso nota l’intenzione dell’introduzione di questa classe. Ma su come si procederà a questa scelta, su quante barche verranno coinvolte tra eventi di selezione e olimpiade vera e propria, non c’è nessuna certezza.

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi