developed and seo specialist Franco Danese

Stanno uccidendo il Laser (e possono salvarlo solo i laseristi)

Pesca in barca: il campione vi svela che cosa vi serve e perché
3 febbraio 2020
INCONTRI Il giro d’Italia a vela con una barca di 130 anni (e uno skipper di 70)
3 febbraio 2020

Alessandro “Dado” Castelli, velista, sail-designer Doyle e one-design manager apprezzato a livello internazionale, non ne può più della “guerra” in seno alla classe Laser, con la barca che forse cambierà nome, lo storico cantiere che li produceva che si è visto stracciare la licenza e con i 9 cantieri che potrebbero produrlo ai quali non è ancora stata fornita. Lui, vincitore del titolo italiano Master di Laser, ha scritto una lettera aperta che ha mandato ai rappresentanti di tutti i distretti Laser europei con alcune proposte sui prossimi passi da fare per cercare di salvare la diffusissima classe dal collasso.

Ecco la versione della lettera rivolta a Stefano Carnevali, segretario della AICL, Associazione Italia Classi Laser. Siete d’accordo con le proposte di Dado Castelli?

Caro Stefano,

mi rivolgo a te in quanto segretario del distretto Laser italiano, socio principale di Eurilca.
Nel suo comunicato pubblicato il 1.12.2019 dopo l’Annual General Meeting Eurilca affermava che “EurILCA have scheduled an extraordinary EAGM for mid January to make any decision we believe necessary to protect the interests of our sailors, should significant progress on the above points not be apparent.”
 Ritengo importante che i rappresentanti dei distretti Laser europei arrivino a questo meeting sapendo cosa ne pensano i loro associati in merito, visto che le decisioni da prendere avranno un impatto fondamentale sul futuro dell’attività della Loro classe.


Per questo motivo propongo che ogni distretto tenga un referendum (per via elettronica si fa in fretta, ogni associato avrà un indirizzo email od un numero di cellulare a cui scrivere un messaggio) su cosa fare. 
Le opzioni realistiche sono due.

1)  Continuare l’attività della classe con le regole stabilite dall’attuale direttivo di ILCA, quindi con barche ed attrezzatura ILCA Dinghy costruite in almeno 9 cantieri diversi in concorrenza tra loro. 


2)  Staccarsi da ILCA con una nuova classe che raggruppi tutti i proprietari di Laser e che porti avanti l’attività come fatto dagli anni 70 ad oggi con i Laser, in stretta monotipia ed il più possibile uguali, prodotti da un numero ristretto di cantieri. 


Colgo l’occasione di questa lettera per manifestare ed argomentare la mia intenzione di voto. Io voterò l’opzione 2, per i seguenti motivi:
–  Il motivo principale per cui vado da tanti anni in Laser piuttosto che su un’altra barca è la sua stretta monotipia. Non voglio menate di barche o attrezzature con prestazioni diverse, che portano inevitabilmente alla rincorsa del prodotto migliore.
 Gli ILCA Dinghy saranno sicuramente diversi tra loro nelle prestazioni e finiranno sicuramente con il costare di più. Chi nega questo o è stupido o è in malafede. 


–  Il secondo motivo per cui vado in Laser è la sua semplicità e la sua durata nel tempo. Non mi interessa avere rig innovativi con vele innovative che mi facciano andare mezzo nodo in più. Ho tante altre barche a disposizione sul mercato per andare anche molto più veloce. 


–  Il terzo motivo è che sono in totale disaccordo con l’attuale direttivo di ILCA, le cui azioni compiute negli ultimi 10 mesi non condivido nella maniera più assoluta. 


Ho sentito l’irrefrenabile bisogno di scrivere questa lettera perché ho la sensazione che un gruppo di persone stia rovinando il nostro amato Laser e che noi laseristi non stiamo facendo nulla per difenderlo.

Saluti,
 Alessandro Castelli

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE & SPORT

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi