developed and seo specialist Franco Danese

Vuoi lavorare nella nautica? Iscriviti al corso giusto!

Cinque sfighe che ti possono capitare a bordo (e come risolverle)
30 gennaio 2020
Anno nuovo, grafica nuova! Il Giornale della Vela di febbraio è uscito ed è imperdibile
31 gennaio 2020

captains and crewIn redazione riceviamo sempre più richieste di compagnie di charter alla frenetica ricerca di skipper da inserire nel loro organico; nel nostro mercatino annunci, steward, hostess e cuochi di bordo sono tra i più ricercati. La tendenza è chiara: il mercato del noleggio è in grande espansione, la domanda è forte. Oggi più che mai c’è bisogno di figure professionali (e professionalizzate) per riempire questo “vuoto”.

Il team di Captains and Crew

L’IMPORTANZA DEL CORSO GIUSTO
Non ci si improvvisa skipper o steward di bordo
. Società di charter, agenzie e broker nautici oggi richiedono personale esperto che sappia gestire qualsiasi situazione in barca. Se avete intenzione di lavorare in questo comparto della nautica, le vostre basi dovranno essere solide e documentate. Ecco perché è fondamentale, per avere un futuro lavorativo, frequentare i corsi giusti.

C’è una realtà che negli anni è in continua crescita, e che ha fatto della serietà e della professionalità i suoi punti di forza: si chiama Captains and Crew e gli equipaggi che forma sono molto apprezzati nel settore.

Tre sono i corsi in programma a breve a cui vi consigliamo di iscrivervi, a seconda del vostro livello di esperienza. L’obiettivo finale? La formazione e selezione di skipper e hostess qualificati che potranno entrare a far parte del team di Captains and Crew con la possibilità, tramite la sinergia della scuola con società di charter in Italia ed all’estero, di essere inseriti nel mercato del lavoro nautico diportistico.

CORSO 1° LIVELLO SKIPPER

Dove: Imbarco Marina di Arechi – Salerno – Sbarco Marina di Cannigione
Quando: dal 29 febbraio al 15 marzo 2020
Barche: monoscafi a vela / catamarani
Obiettivo: percepire il mare come attività professionale

CORSO 2° LIVELLO SKIPPER

Dove: Imbarco Marina di Cannigione – Sbarco Marina di Arechi -Salerno
Quando: dal 12 marzo al 26 marzi 2020
Barche: monoscafi a vela /catamarani
Obiettivo: Professionalizzare il ruolo di comandante
(Per i partecipanti ai corsi che volessero proseguire con didattica professionale anglosassone verrà rilasciata idonea certificazione ai fini della percorrenza e della tenuta della guardia).

CORSO PER HOSTESS / STEWARD

Dove: Marina di Cannigione
Quando: dal 12 marzo al 19 marzo 2020
Barche: monoscafi a vela / catamarani
Obiettivo: Professionalizzare il ruolo di Hostess / Steward

Per partecipare ai prossimi corsi, inviate il vostro CV a: mailto:info@corsiperskipper.com, o contattate il numero +39 3498987032, oppure consultate i siti www.corsiperskipper.com e www.corsiperskipper.com/corsoperhostess.

IL METODO CAPTAINS AND CREW
Captains and Crew, scuola altamente professionalizzante coordinata dal Com.te Ugo Carsana e Sabina Pagliei, propone un approccio di “mestiere”, basato su un piano didattico molto articolato e rigoroso che riesce a trasfondere in fondamenti pratici ciò che la teoria, le nozioni studiate nei vari corsi professionali da sole non possono dare. È una scuola che si rivolge principalmente a chi già lavora nell’ambito del charter nautico o quantomeno ha già ottenuto i titoli e le abilitazioni a farlo, ma desidera approfondire le proprie competenze e capacità, per imporsi nel mercato del lavoro che, in Italia, risente fortemente della concorrenza straniera.

Un team di esperti comandanti, skipper nonché addetti ai lavori si occupa dell’organizzazione delle varie attività svolte quotidianamente durante il percorso formativo di due settimane, avvalendosi della collaborazione di professionisti in ogni settore. Dal Direttore di corso di formazione di rianimazione cardiopolmonare per il “primo soccorso”, al Counselor per il corso “gestione delle relazioni e dei conflitti a bordo”, all’istruttore di apnea con didattica Apnea Academy per il corso di Apnea, business manager di importanti società di charter.

LE TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AI CORSI
Abbiamo raccolto alcune testimonianze di chi ha partecipato ai corsi Captains and Crew:

“Ho preso parte al corso skipper Captains and Crew. Per me è stata una grande esperienza formativa ed è stato l’inizio di un percorso che mi ha portato al conseguimento del MCA Master 200. Al momento sono in Qatar, a Doha, imbarcato come Comandante su Lagoon 56 e precedentemente ero a Dubai su Lagoon 63”, racconta Diego di Brigida.
“Passare da praticare la vela come una passione a viverla come professione è stato il più grande risultato della partecipazione ai corsi per Skipper di Captains and Crew. Il cambio di mentalità e consapevolezza è alla base di tutta la didattica”, aggiunge Alessandro Pofferi.

Captains & Crew segue il percorso professionale dei propri allievi anche dopo la fine del corso. Racconta Alessio Ferraris: “Nel marzo del 2017 partecipai al corso di Captains and Crew per Skipper nella speranza di trasformare quella che fino ad allora era una semplice passione in un vero e proprio mestiere. Fu amore a prima vista e decisi quindi di proseguire con la formazione sia italiana che britannica consigliato dal comandante Ugo Carsana che mi segue e mi supporta. Attualmente ho conseguito tutti i basic IMO necessari e lo YachtMaster Offshore RYA, prossima sfida il Master 200 gt della MCA. Consiglio a tutti coloro che vogliono cimentarsi in questa attività di partecipare ai corsi e scoprire quanto c’è di più bello nell’andar per mare”.

Ricordiamolo ancora una volta: per partecipare ai prossimi corsi, inviate il vostro CV a: mailto:info@corsiperskipper.com, o contattate il numero +39 3498987032, oppure consultate i siti www.corsiperskipper.com e www.corsiperskipper.com/corsoperhostess.

——————————————————-

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

5 Comments

  1. Matteo Petrani ha detto:

    Ma la regola dei 36 mesi in mare non vale più? Grazie

    • Giornale della Vela ha detto:

      Buongiorno Matteo, ecco a te la risposta di Captains And Crew:, a cura del Comandante Ugo Carsana:

      “Sì, vale la regola dei 36 mesi a meno che non si provenga dal Nautico dove se ne richiedono solo 12. Ma la nuova legge del diporto – emanata due anni fa – prevede la qualifica di Ufficiale del diporto di seconda classe, destinata appositamente per la figura professionale in questione, per la quale si è in attesa del decreto attuativo da parte del Ministero dei Trasporti.
      La nostra scuola è del “saper fare” ed é inutile avere un titolo senza avere consapevolezza, esperienza ed il giusto approccio a questo mestiere. Questa è la nostra filosofia.

      Abbiamo contatti con le migliori scuole europee che segnaliamo agli allieviche hanno raggiunto la preparazione necessaria per intraprende in maniera proficua tali percorsi formativi come ben dimostra la testimonianza di Diego Di Brigida”.

      Cordiali saluti, e buon vento,

      la redazione del GdV

  2. LIVIO ha detto:

    Ottima iniziativa, ma…se permettete aggiungo,
    Faccio il meccanico da sempre nel settore nautico da diporto, e sono prossimo alla pensione, sono mesi, per non dire anni che cerchiamo un sostituto giovane da inserire nel circuito, coinvolgendo anche le scuole professionali. Gli istituti non hanno la più pallida idea del mondo nautico di cosa è come si lavora e su quale direttiva spingere la nuova generazione.Gli istruttori-insegnanti dovrebbero entrare in una officina-cantiere e rendersi conto loro prima di mandare a far gli stage i loro alunni. Bisogna preparare anche persone qualificate (mecc.nautico) che completino nel settore il cambio generazionale. Lavoro c’è ne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi