developed and seo specialist Franco Danese

Quella volta che Luna Rossa disalberò contro Paul Cayard

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo
28 gennaio 2020
Morgan Freeman e le sue barche a vela (nessuna di queste è da “fighetti”)
28 gennaio 2020

Il nostro racconto parte dal Golfo di Auraki, Auckland, Nuova Zelanda. È il 5 gennaio del 2000, nelle acque neozelandesi si stanno svolgendo le semifinali della Louis Vuitton Cup, il menù della giornata prevede la sfida tra Luna Rossa e America One. De Angelis e Torben Grael scelgono di partire sulla sinistra del campo, Paul Cayard e John Kosteki vanno a destra. Le barche navigano a velocità quasi identiche, pochissimi metri di differenza, a un certo punto, con soli 13-15 nodi di vento, l’albero di Luna Rossa collassa. A cedere è una delle diagonali di dritta che non lascia scampo all’albero. Per quell’incidente Luna Rossa rischia quasi di non entrare tra le prime due barche delle semifinali e di venire eliminata, ma tutti poi sappiamo come è andata a finire. Il racconto serve a spiegare che disalberare è un normale incidente di percorso, superabile anche in situazioni critiche come una semifinale di Louis Vuitton Cup.

IL DISALBERAMENTO DI CAGLIARI

Come è ovvio che sia il disalberamento di Luna Rossa a Cagliari (leggi QUI) ha fatto rumore. Più il team italiano cerca riservatezza, più gli appassionati e i curiosi aumentano la loro attenzione ed è ovvio che alla prima foto pubblica di Luna Rossa con l’albero in acqua la notizia abbia invaso il web. Tutto normale. Come è normale quello che è successo in acqua. Avere molto tempo per navigare prima delle regate ufficiali significa avere la possibilità di portare sotto stress la barca per esplorarne i limiti, anche con la possibilità messa in conto di rompere qualcosa per capire quali soluzioni migliori si possono adottare. Dalle foto diffuse dal team, e da quelle che circolano in rete, si nota fra l’altro, almeno apparentemente, che l’albero sia sano nella maggior parte della sua lunghezza. La sensazione è che sia caduto all’indietro e non che si sia spezzato, più che un problema a una sartia sembra più probabile un difetto allo strallo di prua. Insomma il bilancio di quest’incidente per gli uomini di Luna Rossa potrebbe essere più positivo che negativo: esperienza fatta, criticità individuata, barca portata verso il suo limite, e possibili soluzioni individuate per renderla più efficiente. Ovviamente c’è anche un risvolto negativo.

Come recita la regola di classe al punto 5 ogni team ha a disposizione 3 alberi (componente One Design). Romperne uno quindi mette una certa pressione al design team e ai velisti, ed è quindi logico che verrà tentata una riparazione che per altro, come descritto sopra, sembra più che plausibile. La data cerchiata in rosso sul calendario è quella del 23 aprile, giorno d’esordio delle World Series di Cagliari, le regate antipasto dell’America’s Cup. Luna Rossa sarà forzatamente ferma a terra per qualche giorno, ma siamo sicuri che il 23 aprile Luna avrà tutte le intenzioni di fare una buona figura davanti ai suoi tifosi.

Mauro Giuffrè

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi