STORIE DI MARE Un “crocierista” di nome… Charles Darwin

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

L’inventore della “teoria dell’evoluzione della specie” Charles Darwin a 22 anni si imbarcò su un 29 metri, come un semplice crocierista. Il suo giro del mondo a vela ha cambiato la nostra vita.

IL VIAGGIO DI DARWIN

Darwin, appena salito a bordo del Beagle, dovette fare i conti con uno spaventoso mal di mare. Ma dopo pochi giorni di vita a bordo si era già abituato. In una lettera infatti scrisse: “La vita di bordo è piacevolissima, così tranquilla e comoda; è quasi impossibile stare in ozio, e questo per me non è poco”.

Stiamo parlando della mitica crociera di cinque anni attorno al mondo che Charles Darwin effettuò patendo dall’Inghilterra il 27 dicembre 1831 a bordo del Beagle, un brigantino della marina Britannica, riconvertito al diporto. La nave a vela era lunga 90 piedi (27 m), larga 24 (7,30 m) e pesava ben 235 tonnellate.

Lentissima ma solida, faceva fatica a risalire il vento e rollava parecchio. Ma il giovane Darwin, allora 22enne, vi si trovò benissimo, a tal punto che, liberato nella mente dai vincoli della opprimente famiglia, elaborò grazie alle sue osservazioni naturalistiche, la teoria dell’evoluzione della specie che ha dato spiegazione scientifica alla vita sulla nostra terra.

Scopo ufficiale della crociera del Beagle era il completamento della rilevazione della Patagonia e della Terra del Fuoco oltre ad eseguire una serie di misure di longitudine attorno al mondo. Nella realtà, come si può vedere dalla cartina, il viaggio toccò o lambì i cinque continenti. E Charles Darwin può essere considerato “ad honorem” il primo crocierista-diportista della storia.

Non aveva compiti precisi, viaggiava per viaggiare, proprio come chi va in crociera oggi. Darwin si imbarcò perchè il comandante del Beagle cercava compagnia, preoccupato dal peso della solitudine. L’equipaggio infatti era formato da rozzi marinai. E il suo racconto di viaggio intitolato in originale “Giornale di ricerche circa la storia naturale e geologica dei paesi visitati durante il viaggio del HMS Beagle intorno al mondo al comando del capitano Fitzroy” è in realtà un bellissimo racconto ricco di annotazioni curiose, di storie di mare e di popoli allora sconosciuti. Il giovane “crocierista” Darwin narra di furibonde tempeste, nubifragi, terremoti e vulcani, bellezze naturali mozzafiato. Una lettura illuminante e piacevole.

T.O

Infografica di copertina tratta dal libro “In viaggio con Darwin” di Luca Novelli, Fabbri Editori. Info sul volume QUI

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE, AVVENTURE & NOLEGGIO

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su