Errol Flynn, il playboy con un unico grande amore. La vela

C’è un bel blog curato dalla nostra lettrice Luisa Fezzardini che tratta molti argomenti in modo interessante (lo trovate QUI): la sezione che a noi interessa, “Vela & Mare”, contiene una serie di articoli dal titolo “Il Velista che non ti aspetti”. Luisa racconta le storie di star del cinema, politici e celebrità che sono stati “insospettabili” velisti. Come il grande attore Errol Flynn. Buona lettura!

IL VELISTA CHE NON TI ASPETTI – ERROL FLYNN

errol flynnErrol Leslie Thomson Flynn (1909-1959) è stato un attore cinematografico australiano, naturalizzato cittadino statunitense nel 1942. Divenne noto principalmente per i suoi ruoli di eroe romantico e avventuroso, e per il suo stile di vita personale da irriducibile playboy. Sullo schermo i suoi personaggi si impegnavano in spettacolari duelli di cappa e spada, conquistavano donzelle, sconfiggevano i cattivi, sempre con uno stile scapestrato e allegro che resero Errol Flynn molto popolare specie tra il pubblico femminile.

Da perfetto australiano (anzi, tasmaniano) Flynn amò sempre il mare, e fu proprietario di più di una imbarcazione. Fu nel 1945 che Flynn acquistò quella che sarebbe diventata la sua barca dei sogni, lo schooner Zaca. Varata alla vigilia della Grande Depressione, la goletta da 118 piedi ha navigato attraverso settant’anni di storia passando da una straordinaria avventura all’altra. Oggi, ancorata a Monaco, Zaca rimane un argomento affascinante nei circoli nautici di tutto il mondo.

Flynn rinnovò completamente lo yacht. Nel 1946, in compagnia dell’equipaggio, il padre  biologo marino Carl Hubbs, un assortimento di attori, parenti, e una troupe cinematografica, navigò verso Acapulco in una ‘spedizione scientifica’ che si trasformò in un fiasco, ma dove probabilmente tutti si divertirono a sufficienza.

Dopo che tutti abbandonarono la nave ad Acapulco, Flynn assoldò un equipaggio messicano e affittò Zaca a Orson Welles e Rita Hayworth per le riprese de “La signora di Shanghai”, pellicola dove compare brevemente appunto come skipper della sua barca.

Durante le riprese de “La signora di Shangai”, il 17 ottobre 1946, Flynn con la seconda moglie Norah Eddington e Orson Welles festeggiarono a bordo dello Zaca il 28simo compleanno di Rita Hayworth, allora moglie del grande regista.

Nel 1947, Zaca riapparve a Port Antonio in Giamaica, che Flynn avrebbe chiamato la sua casa. Veleggiando nel Mediterraneo nel 1950 con un equipaggio giamaicano, Zaca finì poi al Club Nautico di Palma di Maiorca, dove lui e la terza moglie Patrice Wymore vissero a bordo.

Dopo la morte di Flynn nel 1959, Zaca rimase nel posto barca del Club Nautico a Maiorca. Alla fine l’imbarcazione venne spogliata da tutto ciò avesse valore e, nel 1965, abbandonata nel cantiere di Bernard Voisin a Villefranche, dove si trasformò in una barca-fantasma. La gente del posto sosteneva ci fossero emanazioni di Errol Flynn provenienti dalla nave e il suono di feste sfrenate ogni notte…

Dopo due anni di ricostruzione totale a Tolone, lo Zaca fece la sua grande ricomparsa nel 1993 a Regatta, una classica competizione di Monaco, dove fu eletta una delle più belle barche del mondo. Il proprietario Roberto Memmo ha reso nuovamente Zaca protagonista nell’ospitare leader mondiali, scrittori, stelle del cinema e documentaristi.

Durante l’estate, Zaca può essere visto di persona mentre partecipa alle più importanti regate del Mediterraneo. In inverno si può ammirare a Port de Fontvieille, Monte Carlo.

Luisa Fezzardini

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE, AVVENTURE & NOLEGGIO

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su