developed and seo specialist Franco Danese

La tecnica per fermare il rollio quando si è all’ancora

Riconoscete quel berretto giallo che spunta tra le onde?
15 gennaio 2020
Ritrovato sulle coste libiche il relitto del trimarano Ad Maiora
16 gennaio 2020


Il rollio è un movimento inevitabile per le barche
. Lo spostarsi da un lato all’altro è tipico dei mezzi che galleggiano. E in genere chi è a bordo si adatta velocemente a questo tipo di effetto collaterale dell’andar per mare. Talvolta, però, il rollio è decisamente fastidioso. Tanto da mettere a dura prova anche gli stomaci più forti.

Se poi l’onda supera una certa altezza allora diventa veramente una “rottura”. Per fortuna, nella stragrande maggioranza dei casi, onde e vento provengono dalla stessa direzione. Questo fa sì che quando si è all’ancora in genere è la prua ad accogliere le onde. Ciò garantisce il beccheggio e non il rollio. Che grazie alla maggiore lunghezza della barca, rispetto alla larghezza, è più morbido e meno pesante da gestire per chi è a bordo.

Talvolta però può capitare che onde e vento non arrivino dalla stessa direzione. Come per esempio in caso di scaduta, quando si spengono gli ultimi effetti di una mareggiata. O quando arrivano gli effetti di una burrasca lontana.

Fermare il rollio quando si è all’ancora

Quando la barca è all’ancora, si orienterà sempre con la prua al vento, a meno che la corrente non sia molto superiore all’aria in movimento (nel Mediterraneo è difficile che accada).

Quindi può capitare che vento e onde abbiamo una direzione angolata. Se capita nel momento in cui vi trovate in rada non è bello. Quando nella baia è presente della risacca la sosta diventa fastidiosa.

Si può così operare sull’ancoraggio in modo da orentare la barca in modo che presenti per prima la prua alle onde. È un sistema efficace e può essere utile quando le condizioni di vento e di mare non sono estreme da mettere a rischio la sicurezza dell’ancoraggio.

Questo si ottiene posizionando una pastecca dentro la quale far passare una cima (se non si ha la pastecca per passare la cima a doppino la si può anche legare) da fissare alla bitta di poppa. Filando la catena dell’ancora la cima farà presa e la barca ruoterà a favore delle onde.

Lo schema in alto ritrae una barca a motore, ma la tecnica non cambia anche per le barche a vela.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi