developed and seo specialist Franco Danese

L’ingegnere e la filosofa hanno vinto il mondiale: che impresa ad Auckland per il Nacra azzurro

Barche distrutte in porto e assicurazioni. Chi paga, chi viene risarcito, chi “si attacca al tram”
8 dicembre 2019
TECNICA Per non finire con l’acqua alla gola, ecco come cavarvela da soli
9 dicembre 2019

Vincere nelle classe olimpiche è un esercizio quanto mai complicato, se si tratta di un doppio lo è ancora di più. Perché negli equipaggi composti da due persone oltre ad allenare il feeling dell’uomo con la barca va affinato quello dell’uomo con l’uomo, o meglio con la donna come nel caso del catamarano misto Nacra 17. Se poi l’uomo in questione è un ingegnere e la donna una filosofa diciamo che l’equilibrio da ricercare in barca diventa qualcosa di speciale. Speciale come quello che hanno fatto Vittorio Bissaro e Maelle Frascari nelle acque di Auckland, andando a vincere un mondiale Nacra 17 difficilissimo per intensità, difficoltà tecnica del campo di regata e composizione della flotta. Ci fa piacere sottolineare una cosa: in un quadriennio olimpico il livello si alza gradualmente stagione dopo stagione, e andare a vincere il mondiale a poco più di 6 mesi dall’Olimpiade equivale a vincere forse l’evento di maggiore livello dell’intero quadriennio, e scusate se è poco.

Se poi ci aggiungiamo che per l’Italia è un bis dal sapore particolare, allora la festa di Auckland è davvero totale. Infatti nel 2018 l’oro mondiale Nacra era stato azzurro, con Riggero Tita e Caterina Banti (che chiudono settimi con una seconda parte di evento in totale crescendo), oggi è ancora italiano ma con un altro equipaggio. Riteniamo non esista un precedente simile per la nostra vela. Se esistesse un vocabolario solo per i termini sportivi alla voce “lavoro di squadra” dovrebbe esserci scritto “vedi nazionale italiana Nacra 17 e chiedi al coach Gabriele Bruni”.

Il mondiale di Vittorio e Maelle è un piccolo capolavoro, costruito nelle acque siciliane di Trapani dove da più di due anni fa base la nazionale Nacra, a cercare quelle condizioni varie che si incontrano poi nei campi di regata intorno al mondo. Una varietà di condizioni meteo che i nacristi azzurri hanno trovato nel golfo di Hauraki, con una giornata finale da vento forte e onda. E non ha tremato il Nacra italiano. Vittoria nella prova numero 16, quando tutto rischiava di scivolare via, poi una marcatura stretta sui danesi avversari diretti in medal race per andarsi a prendere un mondiale meritato in acqua, senza appello. Per le Olimpiadi di Tokyo non è stato scelto ancora l’equipaggio che rappresenterà l’Italia nei Nacra, il compito di coach Bruni si fa sempre più difficile, ma immaginiamo che il tecnico sia orgoglioso di avere questo “problema”.

E allora oggi la vela italiana ha il sorriso timido di Vittorio Bissaro e gli occhi azzurri di Maelle Frascari. E sono due facce bellissime.

Mauro Giuffrè

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi