Come stanno andando le italiane alla ARC? Ecco la situazione delle “nostre”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Foto on board di Fra Diavolo

Come stanno andando le italiane alla ARC? Ve le abbiamo presentate QUI , adesso andiamo a vedere com’è la situazione dopo i primi giorni di oceano, e potete farlo anche voi quotidianamente consultando il tracking ufficiale della regata QUI.

L’Aliseo sta facendo un po’ i capricci e dopo una partenza con vento medio forte nella prima notte le velocità sono crollate e tarderanno a risalire ancora per qualche giorno.

ULISSE, FRERS 100 di Patrizio Bertelli

Stanno facendo sul serio i ragazzi di Patrizio Bertelli. Guidano la flotta in tempo reale e sono primi anche in tempo compensato nella categoria Racing. Insomma i lupi perdono il pelo ma non il vizio, certo con Pietro D’Alì e Torben Grael le cose sono un po’ più facili, ma è pur sempre Oceano.

DUFFY, DUFOUR 34 di Enrico Calvi

La ARC resta una regata stregata per il piccolo Dufour 34. Dopo il disalberamento del 2017 questa volta a cedere è stato il timone. La barca e l’equipaggio stanno bene e sono rientrati già a Gran Canaria.

FRA DIAVOLO, MYLIUS 60 DI Vincenzo Adessi

 Settimi in tempo reale, quarti nella categoria racing, Fra Diavolo sta navigando molto più a sud di Ulisse, nel tentativo di agirare una zona senza vento. Tattica potenzialmente ambiziosa e vincente sul lungo periodo.

CATTY SHARK, AZUREE 40 di Francesco Buonfantino

Grandissima la prova di Catty Shark. Decimi in classifica generale, quarti nella overall cruising e primi nella cruising C. Veramente un ottimo inizio di ARC per l’equipaggio di Buonfantino.

GRAND SOLEIL 43 BLUE MOON, Second Star Sailing

Navigazione conservativa quella del Grand Soleil 43 del Second Star Sailing. Naviga nelle retrovie della flotta, ma del resto la ARC non è una vera e propria regata ma un rally, la classifica può anche passare in secondo piano in certi casi.

Laura IV, NAUTITECH 541 di Pino Lasalandra

Anche qui vale il discorso fatto con Blue Moon. Però il Nautitech 541 si trova a ridosso dei primi dieci multiscafi della flotta, dodicesimo in questo momento, non male per un cat da crociera!

 

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Se

Torna su