developed and seo specialist Franco Danese

Mini Transat: Beccaria a meno di 48 ore dal traguardo, il conto alla rovescia è iniziato

La voce fuori dal coro di Gaetano Mura: “Cambiamo nome agli scafi volanti”
13 novembre 2019
ACCESSORI Dodici novità che vi cambiano la vita in barca
14 novembre 2019

SERIE 943 / Ambrogio BECCARIA

Tre, forse quattro strambate e poi è finita, e poi sarà storia. Ambrogio Beccaria è a 350 miglia da Le Marin, in Martinica, sede di arrivo della Mini Transat. L’ETA stimata da un arrivo intorno alle 13 italiane di venerdì, o poco dopo, quando in Martinica saranno le 8 del mattino. Il “clan” Beccaria sta per arrivare in Martinica per preparare l’arrivo, da domani a Le Marin ci saranno la sua compagna Vittoria, la madre Roberta e il suo coach.

Geomag è saldamente in prima posizione, con nessun avversario temibile capace di scendere sotto le 80 miglia di distacco. Beccaria è terzo nella virtuale classifica generale che considera anche la classe prototipi. Se si dovesse concretizzare con questi numeri è una batosta memorabile nella storia della regata per gli specialisti francesi e i distacchi sul traguardo sarebbero veramente severi considerato che alcuni dei Serie sono barche perfettamente uguali.

Nelle ultime ore l’impressione è che Ambrogio abbia un po’ alzato il piede dall’acceleratore, o comunque l’Aliseo non è più così intenso come nei giorni scorsi. Meglio in entrambi i casi: nel primo vuol dire che Beccaria sta gestendo e valuta la fatica della barca, segno di lucidità importante che dopo oltre 11 giorni di corsa spingendo al massimo non è scontato. Segno anche che Beccaria sa di essere comodamente in vantaggio, quindi riesce a ricevere la classifica giornaliera che viene comunicata via radio, anche questo un dettaglio non sempre scontato (nella Mini Transat non è concessa alcuna connessione internet e agli skipper viene comunicata la classifica solo con la distanza che manca al traguardo a ciascun concorrente e non la loro esatta posizione). Nel secondo caso invece, ovvero la probabile graduale diminuzione dell’Aliseo, il dato va comunque bene. Un Aliseo più mansueto sollecita meno la barca in queste ultime delicatissime miglia in cui il Pogo 3 di Bogi arriva fisiologicamente “stanco” e probabilmente con qualche piccolo “acciacco” dovuto alle ormai oltre 2000 miglia di Oceano. I temporali in avvicinamento ai Caraibi sono uno degli ultimi spauracchi di quest’approccio a Le Marin. Per Bogi adesso è solo il momento di stringere i denti e portare la barca fino al traguardo. Senza calcoli, senza paura e con un po’ di prudenza.

Tracking QUI

Mauro Giuffrè

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi