Basta cimiteri di barche! La soluzione ci sarebbe: sono gli incentivi alla rottamazione

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Quella che un tempo era la più bella barca del Mediterraneo, adesso, è un cumulo di macerie a Palma di Maiorca (Baleari): il 40 metri My Song di Pigi Loro Piana, caduto clamorosamente fuori da un cargo nel maggio scorso al largo delle Baleari (QUI la ricostruzione dell’accaduto) aveva riportato danni troppo estesi a seguito dell’incidente e sarebbe stato troppo costoso un refit integrale: la demolizione è stata inevitabile.

MA QUANTO COSTA DEMOLIRE LE BARCHE?
Quello che dovrebbe essere evitabile, invece, sono i costi di demolizione delle barche
: in una nostra inchiesta avevamo fatto il punto sull’iter da seguire quando si decide di affidare la propria barca al rottamatore e come funziona lo smaltimento.

Burocrazia a parte, se per disfarsi di un 40 piedi si arrivano a spendere fino a 7.000 euro, ecco che possiamo capire il perché di tante cose. Perché ci sono zone d’Italia (a noi vengono in mente le foci fluviali, come quella dell’Arno o del Tevere) che sono dei veri e propri cimiteri di barche semidistrutte, perché trovate scafi allo sfascio nei piazzali delle campagne (e magari lo spazio è stato affittato in nero, con buona pace del fisco), perché c’è chi, in barba alla legge, decide di affondare la barca piuttosto che affrontare i costi di demolizione e l’affitto del posto barca.

LA SOLUZIONE SAREBBE SEMPLICE
La soluzione ci sarebbe e ce l’abbiamo davanti agli occhi da anni. Si chiamano incentivi statali alla rottamazione.
Sono quelli a cui siamo abituati nel mondo delle automobili: sono quelli che ti fanno dire “ma si, ora è il momento giusto per cambiare macchina” e che fanno girare l’economia.

Pensate ai vantaggi: dando indietro la vostra vecchia barca obsoleta, oltre a dimenticarvi delle pratiche burocratiche e dei “verdoni” che sareste costretti a sborsare per demolirla, potreste approfittare di uno sconto su quella nuova.

Questo darebbe nuova linfa a un mercato, quello delle barche a vela, che è in Italia è ancora una nicchia. Senza dimenticare la spinta al settore delle aziende specializzate nella rottamazione (ad oggi, pochissime), che avrebbero così una forte convenienza a trovare soluzioni eco per lo smaltimento della vetroresina.

E addio cimiteri di barche. Come potrebbe insegnare qualsiasi economista da bar, è tutto collegato e la soluzione è molto semplice. Sta al governo metterla in atto, magari bussando alle porte dell’Unione Europea per ottenere fondi.

Poi, ovviamente, si potrebbero pensare a ulteriori eco-incentivi per chi acquista barche da cantieri sostenibili che montano “di serie” soluzioni green (pannelli solari, motori elettrici, etc), ma questo, forse, è il secondo passo.

Eugenio Ruocco

(foto di apertura di JL92S apparsa su http://forums.sailinganarchy.com/)

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE, TEST & CANTIERI

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Basta cimiteri di barche! La soluzione ci sarebbe: sono gli incentivi alla rottamazione”

  1. Ho letto con interesse l’articolo relativo allo smaltimento delle barche in disuso, ma mi sembra che già altre nazioni ( Francia ) abbiano attuato forme ancor più ecologiche e vantaggiose da tempo , coinvolgendo Istituzioni Pubbliche, Produttori di Barche e Articoli Nautici, Aziende specializzate nel riciclo e tutto a costo zero o quasi per l’utente……
    Spesso mi domando perché non siamo capaci di copiare le cose e iniziative buone già sperimentate da altri ?…..
    Buon Vento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quattro “nuove” mitiche Classic Boat da 13.6 a 16 metri

Le Classic Boat di valore storico by Giornale della Vela non smettono mai di aggiornarsi! In quest’ottica, anche grazie ai vostri suggerimenti, sono arrivate 19 nuove barche, 19 nuove Classic Boat da celebrare e valorizzare.  Abbiamo ormai superato la quota

Le Isole Spalmadori in Croazia (foto di Boris Kacan)

Natanti all’estero, ora si può. Come fare, cosa serve

Natanti all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano, che attesta la proprietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno

Registrati



Accedi