developed and seo specialist Franco Danese

Le regate della settimana: c’è un po’ di traffico in Oceano

Basta cimiteri di barche! La soluzione ci sarebbe: sono gli incentivi alla rottamazione
5 novembre 2019
“Ecco come siamo diventati la più grande azienda di accessori nautici d’Europa”
5 novembre 2019

Dalle sfide estreme in Oceano ai campi dei regata dei più giovani. Anche in questa puntata delle “Regate della settimana” salteremo dai campi di regata mediterranei delle derive al “traffico” oceanico che in questo periodo, tra sfide in solitario, maxi trimarani, traversate atlantiche, è quanto mai intenso.

BREST ATLANTIQUE

Un mezzo giro del mondo di 14 mila miglia per i maxi trimarani della classe Ultime. Da Brest all’arcipelago Cagarras  nella Baia di Rio de Janeiro, poi una boa virtuale a Cape Town prima della risalita dell’Atlantico in senso inverso. È il primo grande testa a testa tra i quattro principali attori della flotta della classe Ultim 32/23. Actual con Yves Le Blevec/Alex Pella e Ronan Gladu, Maxi Edmond de Rothschild con Franck Cammas e Charles Craudelier, Macif con François Gabart e Gwenole Gahinet, Sodebo Ultim 3 con Thomas Coville e Jean Luc Nelias.

TRACKING QUI

RECORD LA MAURICIENNE

Non molla Francis Joyon, anzi aumenta il suo vantaggio sul percorso Port Louis (Bretagna) – Port Louis (Mauritius). L’enorme miglioramento del tempo di riferimento a Capo di Buona Speranza (2 giorni e 19 ore) raggiunto non ha portato Joyon e Idec Sport ad allentare o modificare il ritmo che ha impostato da quando si è allontanato dalle coste del Sud America. Per il marinaio che si trova di fronte alla dura realtà dell’Oceano del Sud, la strategia non cambia. La pertubazione che sta cavalcando da sei giorni ha ancora il carburante necessario per consentirgli di migliorare ulteriormente le sue prestazioni mentre si dirige verso Mauritius. Un altro record sembra veramente a portata di mano per la leggenda francese. Per battere il vecchio record di 26 giorni, 4 ore e 13 minuti Francis Joyon dovrà essere alle Mauritius prima del 14 novembre. TRACKING QUI

ZONALE LASER IN SICILIA

Si è concluso il 27 Ottobre con la disputa dell’ottava ed ultima tappa, il Campionato Zonale Laser. Organizzata dal Circolo Velico Isola del Vento di Isola delle Femmine (Pa) quest’ultima tappa, dopo tre prove svolte in una giornata ancora estiva, ha registrato i valori in campo confermando in linea di massima le posizioni già acquisite lungo un Campionato che ha preso l’avvio il 19 Gennaio dal Circolo Nautico NIC ed è arrivato alla conclusione dopo 29 prove disputate per la Classe Radial e 28 per la Classe 4.7. La vittoria di tappa della Classe Radial è andata alla “primadonna” della Classe Zonale e della Società Canottieri Marsala Giulia Schio (1,1,4) che in questa occasione, anche se a parità di punti, si è messa alle spalle, grazie a due vittorie in tre prove, il campione italiano giovanile e leader della classifica Zonale Carlo Sbacchi (2,2,2), del Club Canottieri Roggero di Lauria, seguito al terzo posto dal suo collega di Circolo, Claudio Puglisi (4,5,3). Vince il Campionato Zonale Radial con 28 punti, dopo aver partecipato a 25 delle 29 prove di Campionato, riportando 16 vittorie, per 8 volte al secondo posto ed un terzo posto, Carlo Sbacchi del Club Canottieri Roggero di Lauria. Medaglia d’argento e campionessa Zonale femminile con 44 punti è Giulia Schio della Società Canottieri Marsala che ha preso parte a tutte le prove vincendone 5 e per 12 volte al secondo posto. Premiato con la medaglia di bronzo è Sergio Lo Forte del Club Canottieri Roggero di Lauria che totalizza 107 punti. Nella Classe 4.7 Alessandra Grasso del Circolo Nautico NIC vince l’ultima regata (2,2,1) davanti a Gioele Riccobono (1,6,3) del Circolo della Vela Sicilia e davanti al leader del Campionato Lorenzo Caputo (5,1,4) della Società Canottieri Marsala.

EUROCUP 29ER RIVA DEL GARDA

Sul Lago di Garda, organizzata dalla Fraglia Vela Riv si è svolta la 29er Eurocup riservata alla classe in doppio giovanile propedeutica alle Classi Olimpiche 49er e Nacra. Le sorelle Sofia e Marta e Giunchiglia del Circolo Velico Sferracavallo, dopo 4 prove di qualifica ed 8 combattutissime finali, in questa tappa conclusiva delle 10 previste per l’Eurocup 2019, hanno conquistato il secondo gradino del podio femminile piazzandosi a metà classifica, al 24° posto overall con questo punteggio realizzato nelle 8 prove finali (29, (34), 13, 21, 17, 27, 28, 31). Tra le donne, indiscussa vittoria delle tedesche Elena Krapp e Clara Borlinghaus  al 18° posto in classifica generale mentre al terzo posto si sono piazzate le svedesi Julia Henriksson e Caroline Pettersson in 28^ posizione.

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi