developed and seo specialist Franco Danese

NODI Le due soluzioni giuste per fare su una cima

Il sogno di Giancarlo: Pedote alla Transat Jacques Vabre aspettando il Vendée Globe
25 ottobre 2019
BARCHE USATE Tre occasioni imperdibili sotto i 20.000 euro
25 ottobre 2019

fare su una cimaUna cima a riposo abbandonata sulla coperta, non è solo antiestetica e pericolosa perché ci si potrebbe inciampare. E’ anche un grosso problema quando la dovrete riutilizzare, magari in tutta fretta come spesso accade in barca. La possibilità che la cima sia piena di annodamenti spontanei, che ne rendono impossibile l’uso, sino a quando non la si è sbrogliata perdendo parecchio tempo, è altissima.

Per questo i marinai predicano sempre di addugliare (riporre a matassa) qualsiasi cima, così da averla sempre pronta all’uso, fissandola con delle semplici e pratiche legature. Ecco due soluzioni per addugliare una cima tratte dal nostro manuale dei nodi!

DUE SOLUZIONI PER ADDUGLIARE UNA CIMA

LA “BIBBIA” DEI NODI IN OFFERTA

Il nodo che vi abbiamo mostrato è tratto dal nostro Manuale dei Nodi illustrati per la nautica. Basta seguire il manuale, e magicamente accrescerete la vostra cultura marinara e saprete far fronte ad ogni situazione a bordo. Per ogni nodo, vi spieghiamo in dettaglio il suo uso principale, i pregi e i difetti, così da poter scegliere quello adeguato a ogni esigenza specifica.

Ne abbiamo radunati più di quaranta, sono i principali, e li abbiamo divisi per tipologia d’uso per facilitarvi la scelta. Rispetto ai classici manuali che illustrano la realizzazione del nodo con vecchi disegni, dove non compaiono mai le varie fasi della esecuzione, ve li mostriamo, passo per passo mentre li abbiamo realizzati. Di ognuno vi sembrerà di visionare un filmato, corredato da una spiegazione didascalica e semplice.

Il manuale, una vera e propria “bibbia del nodo”, vi aspetta nella nostra libreria al prezzo speciale di soli 4,99 euro!

LO TROVATE QUI A SOLI 4,99 EURO!

 

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

2 Comments

  1. Franco ha detto:

    “Buono il metodo di “addugliamento” mostrato nella prima immagine a sinistra guardando (il secondo, mostrato a dritta mi sembra un pò complicato), però bisogna cominciare col dire che la cima va avvolta lasciando il calumo della lunghezza della volta la quale va effettuata sempre girando in senso orario….”

  2. Loredana ha detto:

    La cima addugliata per la spiegazione nei disegni, non è stata sfrullata tra indice e pollice in modo che la matassa non risulti a otto (8) ma un bello zero (0)
    Costa fatica lo so, ma la cima risulterà ben addugliata ed in ordine, sia che rimanga in coperta sia appesa nel gavone.
    Loredana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi