developed and seo specialist Franco Danese

Ecco come immatricolare una barca con il nuovo registro telematico

Al cinema le migliori avventure sopra e sotto il mare! Ritorna l’Ocean Film Festival
13 ottobre 2019
Barcolana 51: colpo gobbo degli sloveni, vittoria di Way of Life
13 ottobre 2019


Dopo anni di attesa, di false promesse della politica, di rinvii è finalmente attivo il registro telematico della nautica da diporto.
Proprio come accade per le automobili, i dati delle imbarcazioni saranno finalmente custoditi, digitalizzati, su un Archivio Telematico Centrale (Actn). E non più nei registri cartacei fino ad oggi custoditi gelosamente dalle varie Capitanerie di Porto in giro per lo Stivale.

DALL’1 GENNAIO 2020 ANCHE LE BARCHE “VECCHIE”

Per adesso solo le barche nuove saranno iscritte in automatico al nuovo registro, mentre a partire dall’1 gennaio 2020 si potrà procedere con l’iscrizione delle barche non nuove. E diminuiranno progressivamente i controlli in mare da parte della Guardia di Finanza, che con tale strumento non dovrà più fermare una barca per conoscerne la proprietà.

ARRIVA LO STED

Lo “specchio” dell’Archivio Centrale è lo sportello telematico del diportista (STED). Ovvero un sistema di uffici dove dovranno essere effettuate le immatricolazioni e che serviranno per sbrigare ogni genere di pratica amministrativa. Per adesso gli STED attivi sono le Capitanerie di Porto e gli uffici provinciali della Motorizzazione, ai quali si stanno aggiungendo agenzie e studi di consulenza che hanno domanda.

COME IMMATRICOLARE LA BARCA E QUANTO COSTA

Per le barche nuove, la trafila è la seguente: i cantieri sono tenuti a comunicare a UCINA il numero di telaio dell’unità costruita (questo passaggio serve, ci hanno raccontato dalla Confindustria Nautica – che si è battuta per anni in favore dell’istituzione del Registro -, per “omogeneizzare” un mondo complesso, dove è più consistente, rispetto al mondo delle auto, il fenomeno dell’autocostruzione) e quest’ultima lo comunicherà alla Motorizzazione Civile.

Nel momento in cui si andrà a immatricolare la barca presso lo STED, il numero di telaio dichiarato dall’armatore dovrà coincidere con quello già presente nell’Archivio. Una volta avvenuta l’immatricolazione, il numero di telaio sarà cancellato e non si potranno più iscrivere barche utilizzando tale numero.

Per quanto riguarda le barche già immatricolate nella vecchia maniera, dicevamo, l’iscrizione potrà avvenire a partire dal prossimo gennaio: non sarà gratuita. Sia in caso di iscrizione di scafo nuovo o re-iscrizione, la tariffa sarà di 35,38 euro (più 16 euro di marca da bollo).

QUI il dettaglio di tutte le tariffe dello STED

IL VIDEOTUTORIAL PER ISCRIVERE UN’UNITA’ AL REGISTRO TELEMATICO

QUI L’INFORMATIVA SULLO SPORTELLO TELEMATICO DEL DIPORTISTA

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE, TEST & CANTIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi