Ecco quali sono le dieci più comuni cause di incidenti in barca

incidentiChiunque sia avvicina per la prima volta al mare sente spesso ripetere da chi ha più esperienza: “La sicurezza viene prima di tutto”. O almeno così dovrebbe essere perché i pericoli in mare ci sono e a volte sono imprevedibili. Ma quali sono le cause più frequenti di incidenti? Ci ha pensato la United States Coast Guard, la Guardia Costiera americana, a stilare una lista dei 10 più tipici e potenzialmente pericolosi incidenti in barca. (foto credit: RNLI/Simon Price)

Finire la benzina: sembra banale, ma non è così. E rimanere senza carburante può anche non sembrare particolarmente rischioso quando siete sottocosta e c’è bel tempo. Ma le tempeste ci sono anche in Mediterraneo ed è meglio non farsi cogliere impreparati. Com’è possibile che ciò accada? Forse avete sbagliato a calcolare la distanza o avete bruciato più carburante del previsto. O forse avete passato troppo tempo a cercare un posto buono per pescare e alla fine vi siete ritrovati a secco.

Il modo migliore per evitare questo genere di problema è pianificare. Decidete prima di partire dove volete andare e calcolate quanta benzina vi serve per l’andata e raddoppiatela per il ritorno, il tutto a seconda delle miglia che dovete fare. Se avete intenzione di pescare ricordatevi anche di calcolare la benzina per questa attività, facendo attenzione a non consumare quella del ritorno. Se possibile a questo aggiungete un 10-20% di margine di carburante.

Incagliarsi: dopo esservi incagliati sulle rocce nel migliore dei casi rimediate una visita in cantiere a rifare la prua. Questo solo se vi va bene. Se la vostra barca non è troppo grande potreste anche voler provare a levarla dagli scogli. State attenti che il vostro scafo non abbia falle perché è meglio incagliarsi che affondare! Per evitare questo genere di incidente è importante essere sempre consapevoli di cosa ci circonda in mare. In caso di dubbi, specialmente di notte, è sempre meglio navigare piano e con cautela.

Cadere fuoribordo: cadere fuoribordo può succedere anche ai marinai più esperti. E non sempre si finisce in acqua in stato di coscienza quindi cercate sempre di indossare un salvagente che vi tenga a galla con il viso verso l’aria.

Affondare: Ridete pure, ma la ragione più comune è un buco nella barca. E spesso creato intenzionalmente mentre si mette mano col “fai da te” alle prese a mare. I passascafo per le prese a mare in ottone sono i migliori, ma quelli di plastica sono meno cari e più resistenti alla corrosione. Però i raccordi in plastica si rompono se stretti eccessivamente: si spaccano proprio, senza segnali “di avviso”, come le piccole perdite che dovrebbero allarmarci se qualcosa non va. Controllate spesso prese a mare e sentine, oltre che predisporre a bordo una selezione di resistenti cunei circolari in legno da applicare per arginare la via d’acqua.

Incendio: fortunatamente grazie alla tecnologia a bordo e nelle componenti gli incendi a bordo sono sempre più rari, ma è sempre meglio non rischiare. Cosa può generare un incendio a bordo? Chiaramente la benzina. Bisogna sempre cercare fuoriuscite o perdite di carburante, o una chiazza di acqua di sentina con il colore dell’arcobaleno. Controllate sempre di aver a bordo degli estintori, classificati per il combustibile o per gli incendi elettrici, e che siano ancora carichi. Fateli ispezionare e sostituire in caso di dubbio.

Guasti: La Guardia Costiera degli Stati Uniti dice che gli incidenti più gravi spesso derivano da guasti meccanici e conseguenti problemi elettrici. Una batteria difettosa non avvia il motore di una barca. E quindi anche le luci della barca non funzionano, quindi, se è notte, si è bloccati e praticamente invisibili. Per il crocierista tipo, una buona scelta è senz’altro rappresentata dalle batterie AGM, modelli nei quali l’elettrolito (ovvero la miscela di acqua e acido solforico) è quasi completamente assorbito da elementi in fibra di vetro, rendendole più sicure rispetto a quelle al piombo liquido in caso di rotture. Non hanno bisogno di manutenzione e non producono praticamente fuoriuscite di gas, dannose per la salute e per la sentina.

Dotazioni di sicurezza: sono troppi i diportisti che trascurano le attrezzature di sicurezza sulla loro barca. O peggio ancora, su se stessi. Quante vite salva un giubotto ben indossato? La Guardia Costiera degli Stati Uniti dice che circa la metà degli annegamenti mortali coinvolgono i diportisti senza giubbotti di salvataggio. Come si indossa “bene”? Un giubbotto di salvataggio merita solo se è del tipo giusto e della misura giusta. Ricordate che se finite in acqua a 10 gradi avete solo pochi minuti di movimento prima che i muscoli diano forfait.  E a quel punto non riuscirete più a tenere la testa fuori dall’acqua. Non lasciate mai il porto senza razzi e le luci ed una propulsione di riserva, tipo un remo. Anche le ancore sono trascurate come parti integranti delle dotazioni di sicurezza mentre invece sono la prima linea di difesa in caso di guasto o tempesta.

Ignorare il meteo: I diportisti una volta ricevevano aggiornamenti meteo solo da radio meteo dedicate o radio marine (VHF). Oggi, tra grib files e sotware di previsioni meteo, ricevere info è molto più facile. Anche il vostro smartphone, a condizione che prenda (meglio aiutarvi con un router a bordo o con una antenna wifi per amplificare il segnale), può eseguire applicazioni meteo. Controllate sempre il tempo in anticipo e non lasciate il porto se le condizioni sono incerte e rischiose.

Disattenzione: Oggi, nonostante radar, AIS e GPS cartografico si sente ancora dire: “Non li ho visti arrivare”. È una spiegazione molto frequente per gli incidenti, ma non giustifica chi ha la colpa, anzi. Se non bastano tutte le strumentazioni di bordo non resta che fare attenzione sia in navigazione che all’ancora ad avere sempre una buona visuale.

Alcool: L’alcol rallenta i riflessi e annebbia il giudizio. Più che sufficiente per rischiare di fare del male a voi e ad altri. Se dovete mettervi al timone bevete responsabilmente. Anzi, meglio se non bevete proprio.

Beppe Boniventi

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Ecco quali sono le dieci più comuni cause di incidenti in barca”

  1. D’accordissimo con Giampi il bronzo è quello che ci vuole per prese a mare e le rispettive valvole o saracinesche, che dir si voglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su