L’Italia della Mini Transat: pensieri ed emozioni da La Rochelle. VIDEO

PROLOGUE DE LA MINI TRANSAT LA BOULANGERE 2019

La partenza della Mini Transat è rinviata a causa di una profonda depressione che in questi giorni sta interessando il Golfo di Biscaglia. La nuova finestra meteo possibile per la partenza sembra individuabile tra il 28 e il 29 settembre, ma al momento non c’è nulla di ufficiale. Nel frattempo allora la nostra inviata a La Rochelle, Lorenza Beretta, ha parlato con i 7 ministi italiani in partenza per la regata (Scopri QUI chi sono e scopri QUI perché Ambrogio Beccaria è temuto dai francesi).

Parole, paure, emozioni e sensazioni dalle banchine del villaggio Mini Transat:


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su