Due italiani alla Transquadra, la storia di Kekko e il Moro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Sognare di attraversare l’Oceano in regata anche se si ha più di 40 anni e non si è dei velisti professionisti si può. Sognare di farlo in una vera regata, la Transquadra, contro i marinai francesi? Perché no, è quello che faranno questi due italiani, gli unici in regata, Alessandro Moretti e Francesco Lambri, a bordo di Arterix, un Bongo 9,60.

Il Bongo 960

Due le tappe, la prima da Marsiglia a Madeira, la seconda fino in Martinica, per un totale di 3000 miglia. Il loro obiettivo? Portare barca ed equipaggio sani e salvi dall’altra parte dell’Oceano, ma farlo divertendosi e regatando. Li abbiamo incontrati al Salone Nautico di Genova, la loro storia può essere uno stimolo per chi sogna ma non ha ancora deciso di fare il grande passo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su