Team New Zealand vara “Il Mostro”. La Coppa America è iniziata

E alla fine sono i kiwi i primi ad andare in acqua. Sembrava che il primo varo potesse essere quello di Luna Rossa, ma alla fine Team Prada ha optato per un ritardo “tattico” e Team New Zealand è il primo a mandare in acqua l’AC 75, il super foiler con il quale si correrà la prossima Coppa America. L’annuncio è stato dato dai kiwi con un post sintetico su facebook: “The Spies are about to become very busy”, le spie stanno per diventare molto impegnate, con il riferimento ironico a quanto gli osservatori degli altri team in trasferta in Nuova Zelanda dovranno fare nelle prossime settimane.

Dimenticate, cancellate, qualsiasi idea possiate avere riguardo al concetto di monoscafo. Questo è si un mono, ma è anche una barca mai vista prima. Un 75 piedi che decollerà come un piccolo Moth, sia di bolina che di poppa, con velocità di punta che raggiungeranno probabilmente i 50 nodi. Un 75 piedi senza chiglia, ma con due foil zavorrati e orientabili e una randa semi rigida. A prua un piccolo fiocco, e alle portanti una vela tipo Code Zero ma ultramagra come profilo, da usare solo in caso di vento molto leggero, contrariamente si navigherà con il solo fiocco.

L’ambizione dichiarata è quella di fare vedere comunque dei veri match race, con partenza di bolina e un classico countdown.

Per gli approfondimenti sul varo di Team New Zealand non perdete di vista le nostre pagine nelle prossime ore.

Mauro Giuffrè

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su