Orc European Sportboat: in Slovenia sventola il tricolore

Melges 24 European Sailing Series
Scarlino, 19-21 Luglio 2019
© Zerogradinord
#melges24 #im24ca

L’Europeo Orc Sportboat di Portorose, Slovenia, che per chi non è abituato a queste nomenclature altro non è che l’Europeo minialtura, è andato in archivio, tutto interamente disputato in regime di brezze leggere e condizioni molto tecniche.

La vittoria è andata a Arkanoè Sailing team, il Melges 24 guidato da Sergio Caramel.  Il team contraddistinto dal giglio stilizzato tipico di Montura, l’ha spuntata al termine di sette prove disputate in regime di ariette, a tratti evanescenti e si è laureato campione europeo Sportboat.

Le condizioni non erano assolutamente adatte a noi: il vento leggero era nelle corde di barche come l’Ultimate 30 Banda Larga, che ci ha dato filo da torcere per tutta la manifestazione: tenergli testa non è stato affatto cosa scontata e anche oggi abbiamo avuto il nostro bel da fare per difendere la leadership – commenta un soddisfattissimo Sergio Caramel, che già due anni fa, a Chioggia, con un team più o meno identico, si era cavato la soddisfazione di conquistare il titolo Corinthian – Pur sapendo di poter essere competitivi, ci troviamo a godere di una soddisfazione inattesa: per noi la vela è principalmente un modo per crescere come persone, fare gruppo e divertirci. Se poi, come in questo caso, capita di vincere e di farlo con un equipaggi di amici riesci ad apprezzare il successo fino in fondo“.

Come anticipato da Sergio Caramel, a finire secondo nel Gruppo A, a un solo punto da Arkanoé by Montura, è stato Banda Larga di Piero Re Fraschini che al timone impegnava niente meno che il già campione iridato Melges 24, nonché timoniere di Coppa America, Flavio Favini. Terzo, a due punti dai neo campioni europei, ha chiuso l’Esse 850 Bohemia Praha di Milan Kolacek.

A laurearsi campioni europei con Sergio Caramel sono stati Filippo Orvieto, Margherita Zanuso, Riccardo Gomiero e Michele Meotto, al debutto con l’equipaggio griffato Montura.

A imporsi nel Gruppo B, invece, è stato il Delta 84 Cardonnay di Ugo Guarnieri, timonato da Alberto Leghissa.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su