developed and seo specialist Franco Danese

TAG Heuer Vela Cup Caprera, 70 barche felici nell’azzurro mare d’agosto

Una Palermo-Montecarlo a Prima Vista
26 agosto 2019
Hanno rubato più di quaranta barche a vela in Mediterraneo. Ecco come facevano
28 agosto 2019

A Caprera, due giorni prima della TAG Heuer VELA Cup si discuteva degli ultimi dettagli organizzativi. “Ragazzi, quante gift bag prepariamo per gli equipaggi della veleggiata?”. “Fanne sessanta, giusto per stare abbondanti: tanto non verranno mai così tante barche”. E invece. Invece alla fine abbiamo dovuto prepararne altre al volo per i quasi 70 iscritti a questa grande festa della vela che, sicuramente, sarà la prima di una lunga serie. Chi l’avrebbe mai detto, dopotutto era un lunedì di fine agosto. “Questo posto è magico, qui avvengono le magie”, ci aveva detto Enrico Bertacchi, il segretario del Centro Velico Caprera, la scuola vela più famosa d’Italia nonché nostro partner nell’organizzazione della veleggiata.

Aveva ragione, la magia c’è stata davvero: che spettacolo Porto Palma invasa dalle barche. Che spettacolo i tre Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato (Swan 77, Swan 38, Smeralda 888) con a bordo i ragazzi della scuola vela napoletana, l’Open 50 Vento di Sardegna con Andrea Mura in (rarissima) modalità crociera, con famiglia, figlio e amici al seguito, i bellissimi ICE Yachts, il nuovo ClubSwan 50 Django, il Maxi Dolphin 75 Karma, alla sua prima regata. Che spettacolo il Nelson 46 giallo canarino Galactica di Andrea Tardini: “inchiodato all’acqua, ma è la mia casa”, ci ha raccontato lui. Che spettacolo le tante barche tra J80, Dehler 25, Sunfast 3200 del CVC, i ragazzi del G34 Lima Fotodinamico dell’associazione New Sardiniasail di Simone Camba, la “navigattrice” Marianna De Micheli, i VELA Cup Games sulla spiaggia di Porto Palma in stile “Giochi Senza Frontiere”. Eccetera, eccetera. Chi non c’era si è perso una figata. Una vera festa della vela in stile caraibico, senza formalità e con una grande voglia di divertirsi.

Il vento, qui nell’arcipelago della Maddalena, non manca mai. Un brezzolina da est-sud-est ha accompagnato i concorrenti durante tutta la veleggiata, 18 miglia sul percorso – perdonateci le ripetizioni, spettacolare – Porto Palma-isole delle Bisce-Monaci-Porto Palma.

TUTTI I RISULTATI
In tempo reale, l’ha spuntata il già citato ClubSwan 50 Django di Giovanni Lombardi, ma il vincitore overall è lo Smeralda 888 Mascalzone Latino timonato da Achille Onorato
, figlio di Vincenzo. Qui sotto i primi tre classificati di ogni categoria e i vincitori overall:

CATEGORIA CROCIERA
Vincitore Overall Crociera:
Sueno (Ice 62), Marco Malgara.
Crociera, classe 7 (oltre i 19 m): 1. Flying Dragon (Swan 70), Giorgio Marsiaj; 2. Mascalzone Latino (Swan 77), Vincenzo Onorato.
Crociera, classe 6 (da 15,01 a 19 m): 1. Sueno (Ice 62), Marco Malgara; 2. Ichnusa (Comet Luna 5o), Mathias Andreas Reiter.
Crociera, classe 5 (da 13,01 a 15 m): 1. Fral2 (Comet 45S), Alessandro Nespega; 2. Lirae (Dufour 44), Luigi Gaddi; 3. Extravaganza (Swan 431 R), Giuseppe Fedeli.
Crociera, classe 4 (da 11,01 a 13 m): 1. Cheyenne (Rodman 42), Tommaso Oriani; 2. Indiana II (Jeanneau Sunfast 40), Giuseppe Scarfì; 3. En Plein Air (Beneteau First 40.7), Paolo Tesio.
Crociera, classe 3 (da 9,51 a 11 m): 1. Hype (Jeanneau Sun Odyssey 35), Corrado Cavallini.

CATEGORIA REGATA
Vincitore Overall Regata:
Django (ClubSwan 50), Giovanni Lombardi Stronati.
Regata, classe 7 (oltre i 19 m):
1. Karma (Maxi Dolphin 75), Nicolò Fabris.
Regata, classe 6 (da 15,01 a 19 m): 1. Django (ClubSwan 50), Giovanni Lombardi Stronati; 2. Why Not (Mylius 60), Roberto Colombo; 3. Vento di Sardegna (Open 50), Andrea Mura.
Regata, classe 5 (da 13,01 a 15 m): 1. Anna (Jeanneau Sun Odyssey 49), Mario Bellini; 2. Galactica (Nelson 46), Andrea Tardini.
Regata, classe 4 (da 11,01 a 13 m): 1. Suspiria (Swan 42), Antonino Venneri; 2. Mascalzone Latino (Swan 38), Vincenzo Onorato; 3. La Bimba, (First 40.7), Mike Bava.
Regata, classe 3 (da 9,51 a 11 m): 1. Bruschetta (J/105), Gianmatteo Paulin; 2. Lima Fotodinamico (G34), Simone Camba; 3. Spargi (Jeanneau SunFast 3200), CVC.
Regata, classe 2 (da 7,51 a 9,50 m): 1. Mascalzone Latino (Smeralda 888), Achille Onorato; 2. Lampo (Beneteau First 27), CVC; 3. Tuono (Beneteau First 27), CVC.
Regata, classe 1 (fino a 7,50 m): 1. ITA3 (J/24), Salvatore Orecchioni; 2. Garbino (First 25.7), CVC; 3. Aliseo (First 25.7), CVC.

Classifiche integrali su www.velacup.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi