Una Palermo-Montecarlo a Prima Vista

E’ stata una Palermo-Montecarlo dura, con tanta bonaccia ma anche tantissime barche iscritte, ben 57 che è il record nella storia di questa regata.

Il Maxi Vera dell’armatore argentino Miguel Galuccio è stata la prima barca sul traguardo: lo scafo di 82’ con a bordo, tra gli altri, la leggenda olandese della Volvo Ocean Race Bouwe Bekking e l’olimpionico Michele Regolo, ha tagliato la linea dell’arrivo posizionata davanti a Montecarlo questa mattina alle ore 5:13, chiudendo le quasi 500 miglia del percorso (sulla rotta diretta) in due giorni, 17 ore e 13 minuti, abbondantemente, a causa di condizioni di vento leggero e instabile lungo tutto il percorso, sopra il record stabilito nel 2015 da Esimit Europa 2.

Il vincitore assoluto di questa emozionante edizione della regata è l’Ice 52 Primavista Lauria, la barca del Circolo Canottieri Roggero di Lauria con a bordo un equipaggio di altissimo livello allestito da Gabriele Bruni, assente perché impegnato in Giappone con la Nazionale Olimpica nel Test Event di Enoshima (è il coach del catamarano Nacra 17), e dallo skipper Gaetano Figlia di Granara. A bordo del 52′ Primavista, che si è aggiudicato il Trofeo Angelo Randazzo per la vittoria overall nel gruppo ORC International (il più numeroso della flotta), velisti del calibro di Sandro Montefusco, Matteo Ivaldi, Andrea Caracci e i siciliani Giuseppe Leonardi e Mario Noto, un team di prim’ordine protagonista di una regata tatticamente perfetta.
“È stata una Palermo-Montecarlo difficile, molto calda, ma siamo stati bravi a superare nel miglior modo possibile tutte le insidie del percorso – soprattutto nella parte finale della regata – e a portare a casa il Trofeo Angelo Randazzo, che rappresentava il nostro obiettivo primario”, sono le prime parole dello skipper Granara. “Voglio ringraziare tutti i soci del Circolo Canottieri Roggero di Lauria che ci hanno permesso di partecipare alla Palermo-Montecarlo: speriamo di averli ripagati con questa importante vittoria”.

LE CLASSIFICHE COMPLETE QUI


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su