developed and seo specialist Franco Danese

Strapoggia? No grazie. Ecco gli errori da evitare. VIDEO

TAG Heuer VELA Cup Caprera, tutti in mare contro la plastica
21 agosto 2019
Dalla carriera in Marina Militare a re dei dealer Lagoon
22 agosto 2019

La strapoggia dell’X-41 Le Coq Hardy. Foto Studio Borlenghi

Strapoggiare è una delle esperienze meno gradevoli che possano accadere in barca a vela, soprattutto perché la cosiddetta “strambata involontaria” avviene ovviamente sotto spinnaker. Succede quando si naviga molto bassi in poppa con vento forte, ed è la porzione di spinnaker esposta sopravvento quella che spinge la barca alla poggia con tutto ciò che ne consegue. Il gioco è quindi di tenere lo spinnaker quadrato quanto basta per scendere abbastanza poggiati, ma non troppo. Con 25-30 nodi non terremo mai il tangone completamente esposto come faremmo magari con 12-15, ma occorre essere un po’ più conservativi, tenere la vela meno esposta e non cercare sempre la massima poggia, per evitare spiacevoli conseguenze.

Nel video che vi proponiamo la barca naviga molto poggiata con vento sicuramente oltre i 20 nodi. Lo spinnaker giustamente non è eccessivamente quadrato. Si sente il tailer che lasca la scotta e non appena la barca sbanda leggermente sopravvento, correttamente, cazza per farla ritornare piatta e dare spinta. Al secondo rollio però probabilmente la raffica è più forte e nonostante il tailer cazzi la scotta la barca parte in strapoggia. Notiamo due errori: l’uomo al braccio dello spi non è pronto a strallare. La vela resta quadrata nella stessa posizione fino a quando la barca non stramba involontariamente. Il braccio dello spinnaker in questi casi è una sicurezza e la sua correzione essere molto dinamica. Appena la barca accenna a sbandare sopravento, date le condizioni, il tailer risponde strallando qualche centimetro di braccio mentre il trimmer della scotta contemporaneamente cazza. Così facendo proteggiamo un po’ la vela dietro la randa e ne esponiamo una porzione minore sopravvento. Contemporaneamente si vede anche che il timoniere non anticipa la correzione, inizia a muovere il timone quando la barca è già partita e non c’è più nulla da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi