SUPER TECNICA: a pesca in crociera con le vele issate

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Siete in vacanza in barca a vela? State provando a pescare a traina ma vi limitate a fare “l’acqua a fettine” senza ottenere nessun risultato? Se vi trovate in questa situazione vi diamo una super dritta per cambiare direzione e portare in tavola qualche pesce.

La migliore esca per i cacciatori estivi (per esempio i tonnetti alletterati, le  lampughe, gli sgombri) l’abbiamo sotto gli occhi ma non ne siamo consapevoli: l’ombra della nostra barca e le nostre vele. Funziona così: nelle giornate molto calde e con poco vento, a mare piatto, i pesci riducono drasticamente l’attività e vanno alla ricerca dell’ombra. Per questo spesso le zone migliori sono a ridosso di pontili o intorno a una nave ormeggiata al largo. Ma se non abbiamo nulla del genere nei paraggi sfrutteremo la nostra barca. Spegniamo il motore, alziamo le vele e anche se navigheremo a 2,5-3 nodi al massimo va bene ugualmente, anzi è quasi meglio che l’essere più veloci. A quel punto fileremo in acqua le nostre lenze (preparate come vi abbiamo spiegato QUI) ma a una distanza ridottissima dalla nostra poppa, ad appena 8-10 metri, esattamente nella nostra scia. I pesci, con un po’ di fortuna, saranno incuriositi dall’ombra della nostra barca e dalla sagoma della nostra chiglia e, senza il disturbo del motore, si avvicineranno alla nostra barca trovando sul loro cammino le nostre esche.

Ricordate: pescate responsabilmente, rispettate le taglie minime di ogni specie e prelevate solo le quantità massime previste a norma di legge.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Torna su