Una vita da prodiere: in lode del ruolo più difficile. VIDEO

“Beato te che fai il prodiere”. Ve lo siete mai sentito dire? Un ruolo che affascina molti ma che pochi sanno fare bene. Un mix di agilità, tecnica, fisico, lucidità mentale e capacità di leggere le situazioni in anticipo, sono queste le capacità necessarie per un buon prodiere. Vi portiamo a bordo allora del Tp 52 Quantum Racing, in uno dei tanti video di repertorio che la veleria americana ha girato a bordo del suo Tp 52, per andare a vedere in soggettiva il lavoro del prodiere, in questo caso Greg Gendell. Dalla partenza alle manovre in boa: da notare come il prodiere non alzi mai la voce, ma si muova sempre con anticipo riuscendo sempre a stare al momento giusto, al posto giusto, senza essere mai in ritardo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Una vita da prodiere: in lode del ruolo più difficile. VIDEO”

  1. Una vita da prodiere
    A recuperar spinnaker
    Sempre lì
    In falchetta,
    Finchè ce n”é stai lì, stai lì…

    Inno del sindacato prodieri
    By Beppe Olmeti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su