Questa barca vuole correre come un Tp 52 e andare anche in crociera. FOTO e VIDEO

Neo Yachts “alza la mira” sopra i 50 piedi, annunciando l’avviata costruzione del Neo 570, un 57 piedi sportivo che avrà l’ambizione di essere veloce sull’acqua come un Tp 52 senza rinunciare alla possibilità di utilizzo anche in crociera.

Una barca ambiziosa ma concreta , come concreto da sempre è stato il marchio fondato da Paolo Semeraro (ex olimpionico di Finn , velista dell’America’s Cup, maestro velaio e ora anche CEO  del neo-cantiere Neo Yachts di Bari), che ha già prodotto il Neo 400 (poi diventato Neo 400+ nell’ultima versione come vi raccontiamo sotto), e il Neo 350.

Il progetto del Neo 570, che è già in costruzione e il cui varo è previsto per il prossimo anno, ha l’obiettivo di mettere in acqua uno scafo in grado di stare al passo con i Tp 52 sulla maggior parte dei punti di navigazione e in qualsiasi condizione di vento, ma , grazie alla lifting keel, con pescaggio sufficientemente basso per entrare e uscire dai normali porti e con una gestione abbastanza semplice anche velista non professionista e appassionato di crociere familiari.

Per realizzare questi obiettivi la scelta del designer non poteva essere casuale ed è ricaduta su Shaun Carkeek, del Carkeek Design Partners, uno degli interpreti più attuali e aggiornati del mondo delle barche sportive. Il design della barca ha tra le sue caratteristiche salienti , oltre ad un dislocamento leggero con un elevato riaddrizzamento , la svasature delle murate e una prua inversa, come visto sui racer di ultima generazione, per esempio sul Maxi 72 Cannonball progettato da Botin o il Fast 40 Ran progettato proprio da Carkeek. La scelta di questi particolari volumi nella  parte anteriore ha ragioni aerodinamiche , di riduzione delle turbolenze sulle vele di prua ma anche e soprattutto strutturali con un risparmio di circa 300kg di strutture.

Perché è stato scelto lo studio di progettazione di Palma? “Volevamo idee nuove da un nome relativamente nuovo. Shaun Carkeek è un ragazzo giovane, ma con una comprovata esperienza”, spiega Semeraro. “Ad esempio, sono rimasto impressionato dalle prestazioni del suo progetto Fast 40, RAN e il suo curriculum nella classe Fast 40 è eccellente: ogni barca nuova è stata significativamente più veloce dell’ultima” .

Un progetto ambizioso assolutamente in linea con quella che è stata la giovane storia del cantiere, come ricorda ancora Paolo Semeraro: “La storia inizia nel 2014, quando ho costruito un 40 piedi in carbonio  per scommessa….che potesse avere interni da crociera , ma  fare 26 nodi e l’ho usato per vincere la Middle Sea Race”, dice, e molte migliaia di miglia. Abbiamo allungato il prototipo per realizzare il Neo 400+, semi-custom di serie, lungo 42 piedi e ne abbiamo venduti tre. L’anno scorso abbiamo lanciato un altro progetto, il Neo 350 due barche varate ad oggi una terza in costruzione. Uno dei quali è stato  quinto assoluto nel campionato del mondo  ORCì 2019 una settimana dopo il suo varo. Durante le prove,  lo stesso 350, con interni enormi e confortevoli, ha già raggiunto i 18 nodi di velocità della barca con la stessa forza del vento. Ed ora abbiamo iniziato il progetto delle grandi barche. Alcuni investitori sono venuti a bordo e hanno finanziato lo sviluppo del Neo 570. La prima barca è già stata venduta”.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su