Arenato e saccheggiato dai pirati (italiani) alle Eolie. Una brutta storia estiva

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

pirati
Vi raccontiamo una storia di vera e propria pirateria e saccheggio.
Ma non siamo in Oceano Indiano o in altre acque ‘pattugliate’ da pirati. Siamo nelle acque cristallo delle Eolie.

ARENATO E SACCHEGGIATO DAI PIRATI

Il Jeanneau Sun Odyssey 54 DS  (16,75 m) “Favola” dell’inglese John Taylor si era arenato sulla spiaggia di Ficogrande, a Stromboli, dopo che l’ancora non aveva tenuto in rada. Un cattivo ancoraggio? Più che altro, probabilmente, la poca conoscenza del luogo: quasi tutti sottovalutano il fatto che il fondale intorno all’isola sia costituito da sabbia vulcanica, piena d’aria e quindi dal peso specifico limitato, unito a un cono d’attrito molto basso. “Lì le ancore non tengono”, ci ha raccontato il velista Sergio Conte, che ha postato sui social la foto sopra.

Ad ogni modo, al 53enne armatore della barca, è andata malissimo. Ma il peggio doveva ancora arrivare.

Nei giorni successivi è stato a costante guardia della sua barca, giorno e notte, in attesa che si concludessero le pratiche burocratiche per rimuoverla. Ma è bastato un momento in cui si è allontanato perché una coppia di “pirati” (come possiamo chiamarli? Sciacalli?) sono saliti a bordo rubando cime, bussole, strumentazione elettronica.

Due disperati? Non proprio: i pirati erano due velisti, in rada con la loro barca a poche centinaia di metri. Hanno visto Favola arenata e hanno pensato bene di “saccheggiarla” arrivando con il tender. La cosa più assurda che la coppia, di Napoli, era formata da padre, 50 anni, e figlio di 14. I due sono stati denunciati.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE, AVVENTURE & NOLEGGIO

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

17 commenti su “Arenato e saccheggiato dai pirati (italiani) alle Eolie. Una brutta storia estiva”

    1. Giornale della Vela

      Ha perfettamente ragione Giuseppe, le finestrature non mentono! Grazie per la precisazione!

      la Redazione

    2. E’ un Sun Odissey 43 Ds il proprietario è Johnny Doyle Inglese e la barca si ChiamaVa Favole… lui poco esperto di barca e poco rispettoso delle regole del mare. Sono stata con lui lo scorso anno e sono stati i peggiori giorni della mia vita. C’era purtroppo da aspettarselo.

  1. Purtroppo si comincia da piccoli rubando i bloccamastra e le bandierine ai raduni degli Optimist e non ho mai visto un istruttore intervenire.

    1. Marco Cimmino

      Io ho visto tanti istruttori intervenire e molte volte è capitato anche di portare presso le segreterie dei circoli organizzatori di regate diversi oggetti rinvenuti casualmente, la coppia di pirati era formata da padre e figlio non vedo perchè tirare in ballo un intera categoria di lavoratori/educatori così a caso

    1. No perché in Sardegna tutti santi 😉 Che c’entra la provenienza… che pena!! Il bue che dà del cornuto all’asino. Ladri e basta !!

  2. Aldilà dell’assurdo epilogo da Corno d’Africa confermo che l’ancoraggio a Stromboli è rischioso e le zone buone sono poche. Quindi meglio sempre una persono a bordo….

  3. aCagliari Poetto, unico furto e atto vandalico subito in 40 anni di vela . N . B . non chiudo mai, dico mai, la barca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi