Quando la vela fa bene e diventa davvero per tutti. FOTO

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

La vela è meravigliosa. La vela può essere anche l’opportunità per una nuova vita o per tornare a riassaporare la felicità, come nella storia che stiamo per raccontarvi. Ci avevano molto colpito le fotografie di Andrea Carloni che raccontavano del progetto Dis-Equality, un giro d’Italia a vela, da Trieste a Sanremo, per persone diversamente uguali. Ci aveva colpito in particolare un passaggio del suo post su Facebook : “Dopo 10 anni dall’infortunio che lo ha paralizzato dal collo in giù ha potuto tornare al mare (nessuno ci aveva pensato prima?) grazie al progetto Dis-Equality e all’amico Berti Bruss… Questo fiero Ammiraglio, appena in acqua, e scoprendo che rilassandosi e respirando profondamente, si poteva cullare nel suo elemento amico, ha cominciato a piangere dalla commozione e dalla felicità. Queste immagini rappresentano l’essenza del progetto, la fatica nella gestione di questi straordinari amici, la carica e la voglia di non smettere mai quando quelle lacrime di gioia solcano il loro viso“.

Berti Bruss a sinistra, Andrea Carloni a destra

Abbiamo contattato allora Berti Bruss per farci raccontare come è nato il progetto e in cosa consiste Dis-Equality. “Tutto è nato prima, nel 2012. Ho fatto un primo giro d’Italia a vela, per curare la mia depressione, con un compagno di viaggio completamente cieco. Da Trieste a Sanremo in 76 giorni. E’ stato un modo per “curarsi” a vicenda, e ne è nato un libro IO I TUOI OCCHI, TU L’ANIMA MIA, che racconta questo viaggio che è stato anche per entrambi introspettivo. ” ci spiega Berti Bruss. “Nello sviluppo di queste iniziative la LNI, quella di Trieste in particolare, ha avuto un ruolo importante. Uno degli obiettivi dello statuto della LNI è infatti quello di promuovere la vela inclusiva e dopo questa prima esperienza sono nate altre iniziative, come per esempio Diversamente Barcolana che ci ha consentito di portare tanti velisti a partecipare a una delle regate più belle al mondo“. Sulla scia di queste iniziative è nato Dis-Equality nel marzo 2018 a seguito del convegno organizzato per le scuole medie superiori della provincia di Trieste su Sport, Bullismo e Disabilità , con la previsione, in occasione dei 100 anni della LNI di Trieste, di fare un giro d’Italia in 100 giorni e 100 tappe molte delle quali ovviamente nelle basi della LNI. Un giro d’Italia, appena portato a termine dall’equipaggio di Berti bruss, dove sono state coinvolte persone giovani e meno giovani con vari tipi di disabilità. La barca scelta è Justmen, un 12 metri, l’unico monoscafo a vela da diporto accessibile alle persone disabili in carrozzina presente in Italia con possibilità d’uso degli stessi pari alle persone fisicamente normoabili. La barca è stata attrezzata con un particolare sistema di movimentazione, che ha consentito all’ammiraglio, e agli altri membri dell’equipaggio, come vi raccontiamo con le foto di Andrea Carloni, di fare anche il bagno e di godere così a pieno di tutte le proprietà curative che ci offre il mare.

Siamo partiti con l’intento di fare un giro di speranza, adesso che lo abbiamo portato a termine fino a Sanremo, possiamo dire di avere anche delle certezze. Il problema che abbiamo sempre avuto in queste attività è che alla fine di ogni corso i partecipanti ci chiedevano: e adesso cosa facciamo? La difficoltà delle attività con persone che amiamo definire come diversamente uguali è appunto quello della continuità. Ma adesso abbiamo una nuova certezza, in pieno centro a Trieste, su una diga lunga 1,2 km, la LNI avrà finalmente a disposizione un centro permanente per queste attività. Un punto di riferimento nazionale per la vela e per tutte le attività legate al mare e alla AMARETERAPIA, come per esempio il nuoto, la subacquea, la canoa, il canottaggio, la pesca. Torniamo a casa quindi con grandi certezze”.

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Quando la vela fa bene e diventa davvero per tutti. FOTO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su