PROVATA – X4⁰, c’è del nuovo in Danimarca: l’anteprima del test. FOTO e VIDEO

Il cammino della nostra trasferta questa volta era lungo e ci ha portato fino ad Haderslev, piccola cittadina di poco più di 21.000 abitanti a sud della Danimarca. X-Yachts ha celebrato i suoi 40 anni di storia e l’azienda danese, nata nel 1979, ha deciso che questo speciale compleanno doveva coincidere con una barca: l’X4⁰. Abbiamo preso un volo per Amburgo e da lì in macchina abbiamo fatto i 200 km che ci separavano dal quartiere generale X-Yachts. All’ingresso del cantiere era esposto il vecchio X-79, la prima barca disegnata da Niels Jeppesen che a distanza di 40 anni continua a progettare le linee d’acqua dei nuovi modelli.

L’X-79 esposto all’ingresso del cantiere ad Haderslev. Foto Giuffrè

La giornata che abbiamo avuto a disposizione a bordo dell’X4⁰ è stata contraddistinta da brezza leggera, pioggia e acqua piatta. L’X4⁰ è una barca da crociera, non è stata concepita su un regolamento di regata ma semplicemente è stata pensata per andare bene a vela. La costruzione in epossidica di X-Yachts da sempre ha dato garanzia di scafi rigidi e leggeri. Pur essendo quindi una barca da crociera è di quelle dove il motore alla prima occasione si spegne.

E così è stato durante il nostro test. L’anemometro segnava appena 6,5-7 nodi sulle raffichette più intense, ma di bolina con un angolo reale a 45 gradi la barca faceva punte a 5,7 nodi. Velocità fino a 6,1-6,2 sotto gennaker con un angolo reale intorno ai 100-110 gradi. La carena scivola bene e da un’ottima sensazione di scorrevolezza anche nei cali del vento, quando la barca mantiene naturalmente il suo abbrivio.

Esteticamente il look richiama tutti i canoni della linea “Pure X”, ovvero la gamma che rappresenta la via di mezzo tra gli Xp dedicati alle performance e gli Xc dedicati alla crociera. L’X4⁰ è la barca che ha completato verso il basso questa linea. Viene riproposto il disegno della tuga dei modelli più grandi, insieme alle linee tirate a prua e più morbide a poppa, dove è presente un ginocchio morbido e non un vero scalino.

6 i winch nel modello in prova: due per la randa alla tedesca, due per le vele di prua, due per i winch della tuga. La particolari di quelli della randa è di essere parzialmente incassati. Dalla posizione del randista o da quella del timoniere l’ergonomia è perfetta. Dal punto di vista dell’intralcio questo viene ridotto, manovrando la scotta da una posizione più verso prua la scelta risulta meno comoda.

LA PROVA COMPLETA, TUTTI I DETTAGLI DELLA BARCA, I NUMERI, GLI INTERNI, NEL PROSSIMO NUMERO DEL GIORNALE DELLA VELA EDIZIONE CARTACEA

DesignerX-Yachts Design Team
Lungh. f.t.12.09 m39’8″
Lunghezza scafo11.5 m37’9″
Lungh. gall10.4 m34’1″
Baglio (max)3.81 m12’6″
Pescaggio standard2.1 m6’11”
Pescaggio profondo2.4 m7’10”
Peso del bulbo – standard3070 kg6768 lbs
Dislocamento – leggero7800 kg17196 lbs
Motore (Diesel)21 kW29 hp
Serbatoio gasolio – standard200 ltr53 gal(US)
Serbatoio acqua- standard300 ltr79 gal(US)

 

www.x-yachts.com

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “PROVATA – X4⁰, c’è del nuovo in Danimarca: l’anteprima del test. FOTO e VIDEO”

  1. Paolo Maria Ciriani

    Veramente non capisco questi progettisti: perchè 12,09 metri invece di 11,99 per risparmiare 1.000 euro di ormeggio all’anno? che differenza tecnica fanno dieci cm.?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su