Tonno, sei ricette per cucinarlo e conservarlo in barca

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

 

Siete in crociera, avete deciso di buttare le lenze ed ecco che all’improvviso un bel tonno abbocca all’amo. Una volta che lo avete tirato a bordo (e vi siete assicurati che non si tratti di un piccolo tonno rosso, specie protetta), ecco sei ricette per cucinarlo e conservarlo in barca.

1° piatto

Antipasto: appoggiare sul tagliere i filetti, con la pelle rivolta in basso e tagliare fettine, le più sottili possibile, con taglio inclinato; quando la lama arriva contro la pelle staccare la fettina. Disporre su un piatto e condire con olio, limone, sale e pepe. Ci sta bene anche un bicchiere di vino bianco. Guarnire con capperi/pomodorini/prezzemolo o secondo fantasia e disponibilità.

Primo: fare un fumetto con le teste e le lische (10’ max), uno spicchio d’aglio e qualche fettina di cipolla. Colare il brodo in una pentola, portare a bollore e far cuocere gli spaghetti. Prenderli e farli recuperare tutta la carne da teste e lische. Scolare la pasta molto al dente lasciandola un po’ brodosa, aggiungere gli statagli di carne e terminare la cottura in padella. Servire con un filo d’olio e prezzemolo. Secondo: ricavare dai filetti dei medaglioni dello spessore di 1,5 cm circa, da cuocere in padella con un po’ d’olio d’oliva, fuoco abbastanza vivo, ma in modo che l’interno la carne rimanga rosa, altrimenti il pesce diventa stopposo. Ci sta bene qualche foglia di salvia. Servire con un filo d’olio a crudo, poco sale, pepe e se c’è anche del prezzemolo.

La conservazione del pesce avanzato:

-sistema provato: stendere i due filetti (1 pesce) in una teglia, ungere leggermente, con sale e pepe e far cuocere al forno. La cottura deve essere a fondo, altrimenti non durano. Preparare un carpione veloce: 2 bicchieri d’aceto, cipolla e aglio e far bollire per 3 minuti, lasciare intiepidire e versare sui filetti. Di tanto in tanto rigirarli per mantenerli umidi. Si possono conservare, non in frigo, per 2-3 giorni, e per mangiarli è sufficiente condirli con un po’ d’olio, qualche fettina di pomodoro o di limone.

-sistema non provato: se le condizioni meteo sono di vento e sole, tagliare i filetti a fette di 5mm di spessore, infilarli su un filo o sagola sottile con un ago da vela e stendeteli in posizione ventilata. Di notte copriteli con la pellicola contro l’umidità. Per consumarli condire con olio e limone.

Hamburger di tonno con salsa di avocado

Per 4 persone 800g. di tonno pulito, 150g. pane toscano, trito aromatico di salvia e rosmarino, aglio. olio di oliva, sale e pepe. Per la salsa: 50g. olio di oliva, un avocado, tabasco, aceto, sale e pepe.

Fare fettine sottili col pane toscano, strofinarle con l’aglio, ungerle con un filo di olio e farle tostare in forno (o in pentola se la barca ne è sprovvista). Nel frattempo tritare con un coltello il tonno, dividerlo in 4 porzioni uguali e preparare 4 hamburger da condire con trito di salvia e rosmarino, sale, pepe ed un filo di olio. Cucinarli a fuoco moderato sulla pentola ben calda 7 o 8 minuti per parte.

Nel frattempo preparare la salsa: pelare l’avocado, togliere il nocciolo, e frullarne mezzo a bassa velocità (va bene anche un frullino a mano) insieme a olio, sale, pepe, qualche goccia di tabasco e un cucchiaio di aceto.

Portare in tavola gli hamburger ben caldi, le fettine di pane, la salsa di avocado e… buon appetito!
Dopo aver naturalmente stappato una bottiglia fresca di vino bianco giovane, dal gusto secco.

Spaghetti al tonno fresco e agrumi

Tagliare 600 gr. di tonno senza pelle a cubetti piccoli, soffriggere la cipolla tagliata fine, in olio aggiungere i cubetti di tonno e sfumare con il vino bianco. Dopo 5 minuti aggiungere il succo di 1 limone e 3 arance, sale e le bucce degli agrumi lavate e tagliate a listarelle. Lasciare asciugare un po’ e spegnere dopo 5 minuti, il tonno deve rimanere crudo all’interno. Scolare gli spaghetti e passarli nella padella del sugo,(visto che in barca i fornelli sono quello che sono si può fare anche il contrario, scolare gli spaghetti e rimetterli con il sugo nel pentolone). Usare l’acqua di cottura se per caso si asciuga troppo, aggiungere olio a crudo, guarnire con prezzemolo a qualche buccia lasciata da parte.

Antipasto di polpettine di tonno fresco

Polpette classicissime, solo che fatte con il tonno tritato anziché con la carne macinata: si impasta a mano e per benino (l’impasto deve essere compatto ma morbido) la poltiglia di tonno realizzata a coltello e tagliere, con il pangrattato (possibilmente pancarrè raffermo spezzettato a mano, non proprio ridotto in polvere ma piuttosto vera e propria “mollica di pane”), le uova, il formaggio grattuggiato (quel che ci si trova a bordo, grana o pecorino indifferentemente) ed un pizzico di prezzemolo, salando e pepando secondo il proprio gusto. Poi si preparano polpettine piccole piccole da stare nel cavo del palmo d’una mano e si passano in forno fino a dorarle appena, sfruttando una teglia a misura con un foglio di carta da forno come base.

Carpaccio di tonno all’arancio

C’è a chi non piace il pesce crudo (abominio!) e quindi pensiamo anche a loro con un antipasto cotto. Prendere un pezzo di filetto, tagliarlo a carpaccio sottile (che le fette restino intere mi raccomando!). Spremere metà arancia, l’altra mezza da pelare al vivo e tagliarla prima a metà e poi a fettine sottili. Scaldare a parte il succo dell’arancia spremuto con 1 cucchiaio di farina setacciata, un cucchiaino di burro e un pizzico di spezie di Provenza girando bene fino ad ottenere una crema semi liquida. Scaldare una padella antiaderente senza aggiungere olio o altro e una volta caldissima adagiare prima le fettine di arancia girandole sui due lati, poi le fettine di carpaccio e spegnere subito la fiamma. Comporre il piatto con un giro di crema di arancia e al centro posare una fettina di tonno scottato e mezza fettina di arancia.

Antipasto di tartare di tonno

Prendere la parte migliore del tonno, “batterla” a coltello così da ottenere una tartare da servire semplicemente condita con un po’ di olio e limone ed un pizzico di sale. Per un maggior effetto estetico, mettere la tartare in uno stampino (va bene anche una tazzina da caffè) e poi sformare sul piatto di portata magari guarnendo con un’insalatina fresca di stagione. Ottimo antipasto, veloce e di sicuro gradimento. Da servire con un fresco Champagne o un vino bianco delicato (Etna per esempio).


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Tonno, sei ricette per cucinarlo e conservarlo in barca”

  1. Giuseppe Borroni

    Buongiorno,
    volevo solamente far presente, che il Tonno Rosso nella fotografia dell’articolo, è palesemente fuori misura, per penalmente perseguibile nel caso in cui fosse stato imbarcato ed ucciso.

  2. giansante gabella²

    A parte le dimensioni del tonno e se è o no tonno rosso, il tonno come le altre specie che vivono in branco, va obbligatoriamente abbattuto prima di mangiarlo crudo, per il rischio dell’anisakis

  3. Occhio a mangiare pesce crudo , cuocerlo bene o abbatterlo , ma in barca …. Poche hanno l’abbattitore altrimenti lasciarlo in freezer almeno a -18 per 2/3 giorni, i -18 devono arrivare al cuore
    Anche se l’Anikasiis. non si vede ci sono sempre le uova che non si vedono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

Quanto mi costa il tagliando del motore entrobordo? Conti alla mano, ecco le voci fatturate da una officina autorizzata per la  manutenzione periodica del motore di una barca a vela da crociera di 9-12 metri. Quanto costa il tagliando del

Peggy, il Pogo 30 della vittima

Muore impiccato all’albero. Ecco cosa è successo

Tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, diverse unità di soccorso spagnole sono state impegnate a largo di Gran Canaria per soccorrere un membro dell’equipaggio di Poppy, un Pogo 30, rimasto impigliato nel sartiame e appeso all’albero. Nulla da fare

Torna su