Bravissimi cacciatori di plastica! E siamo solo all’inizio dell’estate…


E’ iniziata l’estate e i cacciatori di plastica del Medplastic Team ci stanno mandando tantissime foto delle loro “catture”!
D’altronde, basta poco: munitevi di un retino o di un mezzo marinaio, e partecipate anche voi al grande contest “No Plastic” per salvare il Mediterraneo (è facilissimo, in calce troverete il regolamento). Ecco chi sono i cacciatori più attivi di questi giorni:

I CACCIATORI DI PLASTICA DELLA SETTIMANA

Il premio “creatività” va a Marta Del Carlo e il suo compagno Giacomo, che da Marina di Grosseto ci mandano quest’opera d’arte realizzata con i rifiuti trovati sulla spiaggia!

Bravissima anche Tunny Fish, nome d’arte di Carla Illuminati, che nel procidese ha tirato a bordo dei grossi gonfiabili:

Timothy Lucie-Smith, già vincitore della scorsa edizione del contest, è un infaticabile cacciatore di plastica con il suo retino, questi sono solo alcuni degli scatti che ci ha mandato dalla sua crociera tra il Cilento e la Sicilia:

Grosse “catture” anche per i ragazzi di Second Star Sailing tra cassette di polistirolo perse dai pescherecci, gonfiabili e grovigli di reti da pesca:

Complimenti anche ai cacciatori Franco e Ugo Zammit, anche loro in navigazione nel sud Italia…

…e a Simon Mamo, soprattutto per la “posa”!

E siamo solo all’inizio, cacciatori di plastica!

COME FUNZIONA IL CONTEST NO PLASTIC 2019

  • Avete tempo da adesso a fine settembre per scattare una foto (o registrare un video) ogni volta che vedete, raccogliete o prevenite un rifiuto in mare.
  • Inviatela all’inbox di @giornaledellavela su Instagram (o postatela sul gruppo Facebook Medplastic Team): ricordatevi di inserire dove e quando è stata scattata la foto (o girato il video) e di inserire gli hashtag #medplastic e #savethemed.
  • L’immagine e i video verranno pubblicati sul profilo Instagram del Giornale della Vela e, tra le foto con più “like”, la giuria del GdV sceglierà le tre migliori. Gli autori saranno premiati al TAG Heuer VELAFestival del 2020!

ENTRA IN MEDPLASTIC E DIVENTA CACCIATORE DI PLASTICA (TESSERAMENTO GRATUITO!)

SOTTOSCRIVI IL MANIFESTO DELL’ECOMARINAIO PER SALVARE IL MEDITERRANEO

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Bravissimi cacciatori di plastica! E siamo solo all’inizio dell’estate…”

  1. Paolo Maria Ciriani

    parliamo tanto della plastica e va bene ! ma quando risolveremo il riciclo della vetroresina delle imbarcazioni da rottamare? macinare il materiale in sabbia fine da riutilizzare come inerte da impastare con bicomponente per fare nuovi scafi, potrebbe essere un’idea? o per fare altri manufatti tipo bricole sintetiche o doghe simil-legno per pavimentare i pontili galleggianti al posto del teak? giratela ad Ingemar: forse ci cavano qualcosa.

  2. Giornale della Vela

    Ciao Paolo ci siamo occupati dell’argomento e ad oggi ci sono pochissimi centri e pochissimi incentivi a riguardo è una grave pecca del nostro ordinamento, in Francia è più facile smaltire gli scafi. ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su