Sono partito dalla Finlandia verso Cowes su un 20 metri per fare il mio primo Fastnet


Michele Antonini,
esperto velista, e broker di Grabau International (che importa in Italia, tra gli altri, gli Hylas), sta trasferendo dalla Finlandia a Cowes Lurigna, un performance cruiser di 20 metri appena costruito da Baltic Yachts. L’obiettivo? Prendere parte al mitico Fastnet (608 miglia sul percorso Cowes-scoglio del Fastnet-Scilly-Plymouth), il sogno di ogni velista.

Ecco il suo racconto:

Eccomi a raccontarvi la strada alla mia prima Fastnet del prossimo agosto. Tutto è iniziato lo scorso inverno. Il progetto è ambizioso perchè parteciperemo con una barca che è andata in acqua solo lo scorso maggio, appena tre mesi prima della regata. Come sai le barche nuove hanno sempre bisogno di un periodo di rodaggio, e in questo caso dobbiamo anche aggiungere che l’equipaggio ha bisogno di rodaggio!

Uno dei criteri che il comitato di regata Royal Ocean Racing Club (R.O.R.C.) richiede per poter essere ammessi alla regata è che l’equipaggio abbia percorso almeno 350 miglia nautiche di regate offshore nei 12 mesi antecedenti la regata, come capirai non avremmo mai potuto rispettare questo criterio, al momento dell’iscrizioni, infatti, la barca era poco di più che un manufatto in composito con qualche impianto nel cantiere Finlandese di Baltic Yachts.

In gennaio abbiamo sottoposto al comitato di regata della RORC una richiesta di iscrizione che è stata accettata con la riserva che ciascun membro dell’equipaggio avesse dovuto prendere parte al trasferimento della barca da Pietarsaari, in Finlandia, fino a Cowes nel Solent per un minimo di 350miglia. Detto, fatto. Abbiamo diviso il trasferimento di Lurigna in 3 tappe: Pietarsaari – Stoccolma, 370 miglia lungo le baie e le isole delle coste Svedesi; Stoccolma – Copenaghen, 400 miglia fino alla Danimarca e l’ultima tappa fino a Cowes dove la barca arriverà nella seconda metà di luglio per gli ultimi allenamenti in vista della partenza della regata del 3 di agosto.

Lurigna è un performance cruiser disegnato da Judel-Vrolijk e costruito in Finlandia da Baltic Yachts. 20 metri di lunghezza per 25 tonnellate circa di dislocamento, è la seconda unità costruita su stampo femmina in materiali compositi avanzati (E-Glass epoxy sprint per le pelli esterne e fibra di carbonio nei punti di carico), il tutto è post-curato a temperatura 85° per avere una struttura rigida e leggera.

In sostanza è una barca molto bella e fatta molto bene! Come puoi capire questo mi rende più che tranquillo e contento visto che durante la Fastnet percorreremo più di 600 miglia dall’Isola di Wight fuori dalle coste sud-occidentali dell’Inghilterra fino al faro del Fastnet Rock, a sud dell’Irlanda, e poi indietro insieme ad altre 40 barche nella nostra classe IRC Zero (per la cronaca ci saranno poco meno di 400 barche sulla linea di partenza!).

Ora siamo nell’arcipelago Svedese vicino Stoccolma. Siamo stati invitati alla festa del solstizio d’estate a casa di un altro armatore Baltic Yachts (gli armatori Baltic Yachts si sentono tutti parte di una grande famiglia e capita che stringano relazioni durature). Il 21 giugno qua è molto sentito ora ci prepariamo a fare i primi bordi verso sud nel mar Baltico con giornate lunghissime, ci sono appena 3-4 ore in senza sole tra le 11 di sera e le 3 di mattina ma il bagliore della luce rimane per tutta la notte con una atmosfera straordinaria.

Cari saluti


Michele

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE, AVVENTURE & NOLEGGIO


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su