Shogun 50: dal Mar Baltico un bolide ad alta tecnologia

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

La richiesta è arrivata da un armatore che ha l’intenzione di usare la barca nel mar Baltico, lungo gli arcipelaghi della costa svedese in divertenti crociere, o in regata in manifestazioni come la Round Gotland Race  che si corre proprio in quelle acque. L’obiettivo era quello di ricercare un design d’avanguardia adatto a una barca sportiva contemporanea con le soluzioni funzionali a utilizzare il mezzo anche per puro divertimento croceristico. Il progetto è stato affidato allo studio svedese Södergren Yachts, Design, il cantiere che la realizzerà è sempre svedese,  Linjett Yachts, costruttore dell’omonima linea di barche, con la collaborazione della Marstrom per l’attrezzatura di coperta e gli allestimenti.

Un prodotto ad alta tecnologia tutta nord europea, la barca fra l’altro verrà costruita in epossidica e carbonio, così come è ormai praticamente d’obbligo se si ha l’intenzione di realizzare uno scafo veramente leggero e rigido. L’estetica complessiva riprende molto delle ultime tendenze in fatto di design, aggiungendo però alcuni particolari originali e interessanti.

Prua inversa con un’inclinazione importante, niente spigoli, il baglio massimo che poco dopo il centro barca prosegue omogeneo fino alle estremità posteriori, poppa aperta e pozzetto ampio. Ma la verrà particolarità è nei volumi di prua. Sono abbastanza fini anche se non affilatissimi, ma soprattutto hanno due particolari alette, due redan, sporgenti, che sono abbastanza una novità.

Serviranno a deviare il flusso d’acqua e tenere la coperta più asciutta, cosa che è ormai uno degli obiettivi di tutti i designer che progettano barche veloci ma che vogliono rendere confortevoli anche con vento forte. Molti progettisti aumentano i volumi di prua, in questo caso è stata fatta una scelta diversa, anche perché questi scalini non solo devieranno il flusso ma serviranno anche a fare immergere meno la prua.

Lungh. 15,24 m

Largh. n.d.

Immersione 2-3,5 m

Dislocamento 7,8 tonn.

Randa 75 mq

Fiocco 60 mq

Asimmetrico 230 mq

www.shogunyacht.se

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Rendering del nuovo CNB 78

CNB 78, il super 23 metri di Briand costruito in Italia

CNB presenta al salone di Düsseldorf il mock-up del nuovo 78 piedi, che sostituirà il CNB 76. La nuova barca, al momento ancora in progetto, verrà costruita ad Aquileia (Udine), il cantiere CNB infatti ora è parte del gruppo Solaris.

Torna su