Rivoluzione Beneteau: un italiano ai vertici del produttore di barche più grande del mondo

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>


L’italiano Gianguido Girotti (foto sopra), 42 anni da Cesena, già direttore generale del marchio Beneteau, responsabile della strategia di prodotto, diventerà vice CEO e dirigerà il dipartimento Strategia di prodotto della Divisione Barche del colosso francese.
La salita di grado di Girotti è avvenuta nell’ambito della “rivoluzione” che ha coinvolto il colosso francese.

Jerome de Metz

CHI E’ NUOVO IL CAPO
Jérôme de Metz è il nuovo CEO del Groupe Beneteau dopo che Hervé Gastinel, amministratore delegato dal 2015, si è dimesso con effetto immediato.
Jérôme de Metz, ha una lunga carriera alle spalle, partita con la laurea alla Business School di Lille in economia aziendale e il titolo di commercialista: già presidente del consiglio di amministrazione di Beneteau dallo scorso febbraio, è il fondatore di MBO Partenaires, società di private equity accreditata dall’Autorità francese dei mercati finanziari (AMF), che fornisce sostegno e finanziamento agli imprenditori per il trasferimento di piccole medie imprese non quotate.

Dopo aver guidato questa società dal 2002 al 2015, è stato presidente del consiglio di supervisione fino al 2018. Prima ancora, tanti ruoli da dirigente in aziende non quotate, familiari e associazioni varie.

COSA CAMBIA IN BENETEAU
Accanto a questa nomina, il Consiglio di amministrazione della Divisione Barche si evolve anche per riunire i team, i marchi, le unità di progettazione e gli stabilimenti del gruppo intorno ad un progetto comune più forte. Questo progetto si basa su un approccio trasversale e si rifletterà nella creazione di due grandi dipartimenti, affermano da Beneteau.
Christophe Caudrelier, già direttore finanziario responsabile dei sistemi informativi e attualmente vice CEO responsabile delle attività europee, manterrà la sua attuale posizione e guiderà il dipartimento di eccellenza operativa del gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione sarà ora composto anche da Corinne Margot, Direttore Relazioni Umane e Comunicazione del Gruppo, e sarà assistito da due dei manager esperti del gruppo, Dieter Gust e Jean-Paul Chapeleau, rispettivamente presidente di Construction Navale Bordeaux e direttore generale di Jeanneau e Prestige. Non sono in corso cambiamenti di governance per la Divisione Housing, guidata da Patrick Mahé.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE & CANTIERI


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

Peggy, il Pogo 30 della vittima

Muore impiccato all’albero. Ecco cosa è successo

Tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, diverse unità di soccorso spagnole sono state impegnate a largo di Gran Canaria per soccorrere un membro dell’equipaggio di Poppy, un Pogo 30, rimasto impigliato nel sartiame e appeso all’albero. Nulla da fare

Torna su