Giraglia Rolex: fanno festa le big, Caol Ila verso la vittoria overall

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

CAOL ILA R AND JETHOU IN CLOSE CONTENTION SHORTLY AFTER THE START OF THE 2019 ROLEX GIRAGLIA

Le previsioni della vigilia sono state confermate, è stata la Giraglia Rolex delle big. Vento forte nella prima parte che ha premiato la fuga delle barche lunghe e plananti, vento in calo nella seconda parte di regata a sbarrare la strada a una possibile rimonta in tempo compensato delle barche più piccole. A volte le lunghe vanno così e la Giraglia 2019, salvo sorprese nelle classifiche definitive, è stata vinta dal Maxi 72 Caol Ila  di Alex Schaerer che al momento è dato in testa nella classifica IRC overall, quella che assegna il premio generale della regata. Alle sue spalle il maxi 77 Jethou di Peter Ogden, terzo l’IRC 52 Arobas di Gerard Logel. Prima barca italiana in classifica è il Tp 52 Macchia Mediterranea di Giampiero Russo, decimo.

E’ andata un po’ meglio nella classifica ORC, che ricordiamo viene premiata alla Giraglia Rolex, ma non assegna la vittoria generale della prova offshore. Ai primi due posti due Club Swan 50, Stella Maris di August Schram, e Skorpios di Dmitry Rybolovlev. Prima italiana, al terzo posto, il Cookson 50 Endlessgame di Pietro Moschini.

IL MANCATO RECORD DI RAMBLER

Sessanta i minuti che hanno separato l’equipaggio di Rambler 88 di George David dal record di Esimit Europa 2 di Igor Simcic (14H56M16S) alla Rolex Giraglia. Per il Maxi americano una line honours dolce amara per aver mancato di un soffio il record che resiste dal 2012…

Rambler, fino a ieri favorito dai pronostici in banchina – e dal tracking online – fino a poche ore dall’arrivo era dato per certo circa la cattura del record. Il vento, che ha sempre soffiato impetuoso fin dalla partenza a Saint Tropez, si è ritirato a poche miglia dall’arrivo, rallentando così la sua galoppata verso il Principato di Monaco. Il Maxi di George David ha chiuso comunque con il tempo di 16Hrs00M35Sec, tagliando la linea d’arrivo a Monaco alle 4.35 del mattino.

www.rolexgiraglia.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Roma per Tutti, per Due: vince Neomind, naufraga un Mini 650

Va in archivio un’edizione molto partecipata, e movimentata, delle classica Rome per Tutti, Per Due, per Uno, la regata offshore di 540 miglia con partenza e arrivo a Riva di Traiano, dopo avere circumnavigato l’isola di Lipari nell’arcipelago delle Eolie.

Registrati



Accedi